Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO9°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 31 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, lo spettacolo sulla Shoah interrotto da un professore negazionista

Attualità lunedì 11 settembre 2017 ore 09:47

La contrada Castello vince il Palio del Bigonzo

La pioggia non ha fermato il palio del Bigonzo e la contrada di Castello di Contignano si è aggiudicata per la sesta volta consecutiva la competizione



RADICOFANI — Onore al merito ai corridori che hanno portato sul gradino più alto la contrada Castello, ovvero a Federico Fanetti, Jacopo Faedda, Gianni Poggioninu, Alessandro De Luca e Michele Taormina 

Contignano era risultata penultima dopo la selezione della gara di tiro con l’arco, che determinato le posizioni di partenza. In testa, al via, c’era Borgo Maggiore, quindi, a distanza di qualche metro, Castelmorro, Bonmigliaccio e, dopo Contignano, Castello.

La gara si e svolta regolarmente, dopo qualche brivido per la pioggia del mattino, che ha impedito lo svolgimento del corteo storico. Nella chiesa di San Pietro c’è stata comunque la presentazione del drappellone, dipinto da Marco Giubilei, del Piatto degli arcieri (realizzato da Manila Guerrini) e la benedizione dei corridori.

Il sindaco Francesco Fabbrizi e i rappresentanti del Magistrato delle Contrade hanno consegnato ai familiari una targa alla memoria di Giovanni Fatini, recentemente scomparso, uno dei “padri” del Palio del bigonzo: oltre a contribuire alle ricerche storiche, ha realizzato gli stemmi, gli stendardi, gli scudi delle contrade e dipinto anche il primo drappellone nel 2006.

Nel pomeriggio la gara di tiro con l’arco è iniziata con un piccolo ritardo, seguita dall’esibizione del gruppo sbandieratori e musici. Quindi, i lanci delle sfide, la “pesa” dei bigonzi in piazza San Pietro e, infine, la partenza della gara. 

Il Palio consiste in una staffetta di coppie di corridori che, attraverso dei barellini, devono arrivare al traguardo portando il tradizionale contenitore usato per la raccolta dell’uva. Lo spirito della manifestazione è rievocare una importante tradizione vitivinicola di epoca medievale, oltre alla memoria dei nuclei abitati originari della comunità di Radicofani.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il primo cittadino Mario Agnelli lancia l'allarme su un fenomeno che colpisce tutto l'Aretino ma è certo che si possa contenere
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca