Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:MONTEPULCIANO12°28°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 23 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ucraina, ergastolo per il primo soldato russo a processo: la lettura della sentenza

Attualità lunedì 22 febbraio 2016 ore 16:24

Radicofani come Trequanda: “No alle fusioni”

Sindaco Francesco Fabbrizzi

No convinto sulla fusione dei Comuni, il sindaco, la giunta e le forze politiche hanno voluto tenere alto il valore dell’autonomia comunale



RADICOFANI — Autonomia comunale messa in discussione dalle fusioni, rimandando i problemi di gestione dei piccoli enti locali a politiche sovracomunali attraverso convenzioni o all’interno delle Unioni dei Comuni, per la gestione associata di funzioni e servizi pubblici”, con queste premesse il Consiglio comunale ha respinto ogni iniziativa che, in tema di accesso alle risorse ed alle contribuzioni per gli enti locali, privilegi i Comuni che intraprendono percorsi di fusione rispetto a tutti gli altri, in quanto tali azioni si baserebbero su principi discriminatori tra gli enti, e arrecherebbero un danno ai cittadini di quei comuni che venissero penalizzati nella realizzazione di opere e progetti.

L’invito di Radicofani nei confronti della Regione Toscana è: “Di supportare le iniziative intercomunali, abbandonando eventuali progetti di fusioni ‘imposte’, di fatto o per legge, a comuni che le rifiutino, ed a valorizzare ogni elemento di natura sociale, territoriale ed economica che caratterizza ogni singolo Comune, nonché a sostenere la rete dei piccoli comuni".

Un altro appello va al Parlamento e al Governo per un rapido iter approvativo del disegno di legge per il sostegno e la valorizzazione dei Comuni con popolazione pari o inferiore a 5mila abitanti e dei territori montani e rurali, oltre alle deleghe al Governo per la riforma sull’amministrazione di queste aree e per la remunerazione dei servizi ambientali.

Il Comune invierà questo ordine del giorno al Governo, ai Presidenti dei due rami del Parlamento, al Presidente della Regione Toscana, al Presidente del Consiglio Regionale, ai Sindaci della provincia di Siena, ad ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni italiani), Anci Toscana, Anpdci (Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia), Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani), Uncem Toscana, alle altre associazioni delle autonomie ed agli organi di informazione.

Il provvedimento di Radicofani ha, alla base, la considerazione che la Toscana ha un numero di Comuni (279) inferiore ad altre regioni (sono circa 1.500 in Lombardia, 1.200 in Piemonte, 580 nel Veneto) con un numero medio di abitanti per comune elevato (circa 13.450) rispetto ad altre regioni italiane (circa 6.500 in Lombardia, 3.600 in Piemonte, 8.500 in Veneto) e Paesi europei. C’è poi il valore storico, economico e culturale dei piccoli comuni, e c’è il principio costituzionale della “promozione delle autonomie locali”. 

Insomma, il rischio, secondo il Consiglio comunale di Radicofani, è la scomparsa di presidi di democrazia, ambiente, cultura.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella mappa sull'andamento della pandemia emersa nelle ultime 24 ore i numeri assoluti sono bassi ma il virus percorre tutti i territori e le vallate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità