QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 15° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 23 febbraio 2020

Attualità venerdì 30 giugno 2017 ore 13:38

Si insedia il nuovo consiglio comunale savinese

Il nuovo consiglio comunale di Monte San Savino è composto da 12 membri; il sindaco ha prestato giuramento e ha comunicato i nomi della giunta



MONTE SAN SAVINO — Si è insediato il nuovo Consiglio Comunale di Monte San Savino, eletto nella tornata delle elezioni amministrative dello scorso 11 Giugno.

Il nuovo consiglio è composta da 12 membri, oltre al Sindaco Margherita Scarpellini, raccoglie i consiglieri eletti del gruppo di maggioranza “Per Monte San Savino” (8) e i gruppi di minoranza “52048 Orizzonti Comuni Lista Civica” (2) e “RinasciMonte” (2)

Il Sindaco, prestato il giuramento, ha poi comunicato i nomi dei componenti della nuova Giunta Comunale e le relative deleghe loro assegnate: 

- MARZIO PAGLIAI (VICE-SINDACO): Bilancio e tributi, patrimonio, personale, politiche per la valorizzazione del centro storico

- ERICA RAMPINI: Politiche sociali, Scuola, Politiche Giovanili, Pari opportunità, Ricerca fondi nazionali ed europei

- ALESSIO CLEMENTE MAINA: Lavori pubblici e manutenzioni, politiche ambientali e beni comuni, sport e tempo libero

- NICOLA MEACCI: Politiche economiche e produttive, terzo settore e associazionismo, società partecipate, Polizia municipale e protezione civile

Il Sindaco Margherita Scarpellini mantiene le deleghe agli affari generali, all'urbanistica, alla cultura, al turismo e valorizzazione del territorio.

I capigruppo scelti dalle compagini presenti in Consiglio sono Ilaria Vanni “Per Monte San Savino”, Gianni Bennati per “52048 Orizzonti Comuni Lista Civica” e Marcella Luzzi per “RinasciMonte”. Come da ordine del giorno sono stati eletti anche i presidenti delle Commissioni Consiliari permanenti: per la prima commissione (Statuto – personale – organizzazione – bilancio finanze e tributi) il Presidente è Simone Romanelli, per la seconda commissione (Territorio) la Presidente è Martina Lachi mentre la terza commissione (Politiche sociali) sarà presieduta da Damiano Petroni.

La neo rieletta sindaca Margherita Scarpellini ha letto una lettera di ringraziamento per tutti gli elettori: "Essere il Sindaco di una comunità, specialmente in anni come questi, è infatti una missione molto più difficile di quello che si possa immaginare prima di viverla davvero. E' un compito che richiede una dedizione assoluta e spesso neanche quella è sufficiente per riuscire a intervenire su tutti i bisogni esistenti, per risolvere tutti i problemi che si presentano, per garantire le risposte che i cittadini meritano. E' un'esperienza forte, totalizzante, assolutamente unica. E' davvero un “mestiere” difficile, per il quale l'impegno sembra non bastare mai. Credo però che nei 5 anni trascorsi di strada percorsa sia stata molta e anche formativa".

Inoltre guardando al futuro e in merito al nuovo mandato ha detto: "E' su questa direzione che continuerò a lavorare, con le energie nuove di una squadra che, come potete vedere guardando gli scanni di questa maggioranza, è stata ampiamente rinnovata e trae la sua forza nel mettere insieme l'entusiasmo dei giovani e l'esperienza dei meno giovani. La coscienza e la visione d'insieme acquisita in questi 5 anni, unita alle nuove idee per il futuro, sono le basi su cui ci appoggiamo per continuare un lavoro che non si è mai fermato. “Attenzione alla persona” è un'espressione che uso spesso per tentare di sintetizzare, parzialmente, l'idea che ci anima. La persona intesa nel più ampio spettro dei bisogni che ogni essere umano che vive all'interno di una comunità può avere, dai bisogni materiali a quelli spirituali. Ecco quindi il nostro operare sulle esigenze dei cittadini, che tenta di essere il più globale e completo possibile, partendo dal frangente sociale e arrivando fino a quello del lavoro e della cultura. Senza cultura non esiste sviluppo".

Infine Margherita Scarpellini ha aggiunto: "Un'altra base di lavoro è poi l'apertura al mondo e alla modernità. In questo vogliamo rifuggire il più possibile gli atteggiamenti chiusi, i campanilismi, le divisioni e le piccolezze: la storia della nostra comunità, la grandezza dei nostri avi, lo splendore dei secoli passati di cui abbiamo ancora oggi infinite testimonianze, il fatto di essere una città (come dimostra la corona sul nostro stemma comunale di cui ci possiamo fregiare sin dagli anni '90) ci richiama a un'atteggiamento più coraggioso, sensibile, persino ambizioso, fatto di confronto, scambio, dialogo, tolleranza.
Prima di chiudere voglio ricordare a tutti (agli assessori, ai consiglieri di maggioranza e di minoranza) che il ruolo che ricoprono li obbliga a comportarsi con profondo senso civico. E' dovere di tutti gli eletti saper rappresentare l'intera comunità, ascoltare tutti e servire tutti. E' necessario farlo in modo responsabile, senza personalismi, pregiudizi e superficialità. Ciò non significa essere sempre d'accordo su tutto o non fare opposizione, ma farla in modo corretto. La mia grande speranza è che al lavoro mio e della Giunta, della quale posso garantire la serietà, la competenza, la passione e la presenza, nel rispetto delle leggi e delle Istituzioni, corrisponda un rinnovato impegno civile e morale di tutti i cittadini".



Tag

Coronavirus: la mappa del contagio

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità