Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:35 METEO:MONTEPULCIANO13°24°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Allegri furioso a fine partita, la frase urlata uscendo dal campo: «E vogliono giocare nella Juve»

Cronaca martedì 28 febbraio 2017 ore 17:00

Spara al padre, tre aggravanti per l'omicida

Giacomo Ciriello, 18 anni, è accusato di omicidio volontario con l'aggravante del vincolo di parentela, dei futili motivi e della premeditazione



LUCIGNANO — Giacomo Ciriello ha ucciso il padre Raffaele, 51 anni, nella notte tra domenica e lunedì sparandogli al volto con una doppietta da caccia.

La premeditazione sarebbe derivata dal ‘vuoto’ temporale intercorso tra la lite fra padre e figlio, avvenuta all'ora di cena, e il delitto consumato dopo la mezzanotte nel casolare del padre.

Per la giornata del 1 marzo è in programma l'udienza di convalida in carcere ad Arezzo davanti al gup Annamaria Loprete. Giacomo Ciriello è assistito dall'avvocato Stefano Del Corto che dovrà smontare le tesi d'accusa.

Intanto il corpo del padre Raffaele si trova all'obitorio dell'ospedale San Donato di Arezzo in attesa dell’autopsia che sarà effettuata dall'equipe di medicina legale dell'Università di Siena.

Incredulità e sgomento per l’accaduto insistono della tranquilla cittadina della Valdichiana, nessuno riesce a dare una spiegazione a quanto successo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Venerdì l'ultimo gradino della competizione nazionale a Firenze. Complimenti e in bocca al lupo dall'assessore Cappelletti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità