Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:13 METEO:MONTEPULCIANO10°19°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, sparatoria in una scuola a Kazan: gli spari e gli studenti in fuga dalla finestre

Attualità sabato 13 marzo 2021 ore 12:05

Una strada da intitolare a Domenico Campanacci

La proposta arriva dalla Fondazione Nicodemo Settembrini che, nonostante il periodo difficile, non si è fermata. Ecco le attività in cantiere



CORTONA — La Fondazione Nicodemo Settembrini, dopo un periodo di pausa invernale e con le limitazioni imposte dalla pandemia da Covid riprende, almeno in parte, la propria attività.

L’obiettivo del consiglio direttivo è di pianificare l’organizzazione di un calendario di eventi, in modo da rendere possibile il loro svolgimento appena la fase di emergenza sanitaria diventerà meno vincolante. Nonostante le difficoltà incontrate, e il periodo particolare affrontato, la Fondazione ha saputo trovare nuove forme e modalità di intervento.

In particolare il suo presidente, avvocato Nicodemo Settembrini, ha avviato una serie di colloqui con l’amministrazione comunale per intitolare una strada, o una piazza, di Cortona al concittadino Domenico Campanacci (1898-1986), già docente presso la facoltà di medicina dell’università di Bologna - cattedra di patologia speciale medica e metodologia clinica - e autore di numerosi testi scientifici ritenuti basilari per lo studio della materia.

Si tratta di una richiesta, già formulata alle precedenti amministrazioni, che non ha mai potuto concretizzarsi e che intende ricordare la figura di un cortonese illustre, apprezzato per le sue doti cliniche e per la sua umanità.

La stessa Fondazione, prendendo spunto da un articolo pubblicato da un quotidiano nazionale, nel quale si precisa la presenza stabile di due violinisti di fama internazionale nell’isola maggiore del lago Trasimeno, si sta adoperando per invitarli a Cortona per tenere un concerto nella città etrusca. Uno dei due artisti è Vlad Stanculeasa, musicista di origine romena, ma cittadino del mondo, primo violino nelle orchestre di Barcellona e Basilea.

Il sostegno alle iniziative pubbliche organizzate a Cortona, e non solo, è proseguito anche durante il periodo di lockdown. Dopo avere donato la somma di 10 mila euro in favore del reparto di malattie infettive dell’ospedale San Donato di Arezzo, la Fondazione ha contribuito al conferimento della cittadinanza onoraria di Cortona alla polizia di Stato; la cerimonia ha avuto luogo lo scorso 2 marzo al Centro convegni Sant’Agostino.

Oltre a queste attività, la Fondazione ha attribuito nuovi incarichi interni allo scopo di garantire ulteriori prospettive di sviluppo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità