Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:MONTEPULCIANO12°22°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 04 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dentro Bakhmut deserta, tra colpi di artiglieria e carri armati. Qui il centro della battaglia per il Donbass

Attualità mercoledì 09 marzo 2022 ore 11:00

In due anni di Covid nessun caso nella Rsa

Un piccolo ma importante record quello ottenuto con impegno e massima attenzione dalla "Camilla Sernini" di Camucia



CORTONA — A due anni dalle norme che decretarono il "lockdown" per il contenimento della pandemia da Covid19, l’Amministrazione comunale ha voluto ringraziare tutta la Rsa "Camilla Sernini".

Il sindaco Luciano Meoni, l’assessore alle Politiche sociali Valeria Di Berardino e i responsabili degli uffici, hanno incontrato e reso omaggio al personale, composto da operatori sanitari, infermieri, fisioterapisti, educatori, cuoche, servizio lavanderia e pulizie, ovvero a dipendenti comunali, personale della cooperativa e liberi professionisti che lavorano nella residenza sanitaria di Camucia.

Il 9 marzo 2020, con l’annuncio del presidente del Consiglio dei ministri, le norme di contenimento del coronavirus vennero rafforzate con i decreti legge e i dpcm che portarono all’istituzione della "zona rossa nazionale", con tutte le limitazioni agli spostamenti e i divieti di assembramento che abbiamo conosciuto. Da allora le residenze sanitarie per anziani affrontano un periodo delicatissimo in cui la tutela della salute degli ospiti passa per protocolli stringenti e soprattutto per rigorose norme di comportamento quotidiano da parte dei lavoratori.

"Sono passati due anni e dobbiamo ringraziare ed essere orgogliosi dei collaboratori della Rsa di Camucia - dichiarano Luciano Meoni e l’assessore Valeria Di Berardino - sappiamo che oltre al rigoroso rispetto delle norme, dobbiamo a tutti loro il fatto di aver sempre condotto comportamenti esemplari e responsabili. Oltre alle leggi ed ai regolamenti, in questi due anni c’è stato soprattutto sacrificio e grande senso di responsabilità".

"Vorrei ringraziare tutti i colleghi e l’Amministrazione comunale - aggiunge Antonio Vinerbi, infermiere della struttura - per averci incoraggiato e per averci sostenuto in questi anni difficili, noi continueremo a tenere la guardia alta perché l’emergenza ancora non è finita".

Nel nostro Paese le Rsa sono state epicentro pandemico, in due anni dal 9 marzo 2020 alla "Camilla Sernini" di Camucia non si è verificato nessun caso di Covid19. Se da una parte la fortuna è stata fondamentale, dall’altra anche il comportamento corretto, i sacrifici e il senso di responsabilità degli operatori sono stati fondamentali.

Per la Rsa "Camilla Sernini" con i suoi 21 ospiti e con i suoi 40 lavoratori, non sono stati due anni giocati in difesa, l’Amministrazione comunale ha investito in strumentazioni: dai presidi anti contagio, alla stanza degli abbracci (una delle prime nella zona), dagli strumenti informatici per far dialogare gli ospiti, alla stanza per l’isolamento, peraltro fortunatamente mai utilizzata in questi due anni per casi di sospetto Covid19.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una troupe ha realizzato servizi sul Carnevale, le opere dei Della Robbia e la battaglia di Scannagallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Toscani in TV

Attualità

Sport

Attualità