QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi -1°4° 
Domani -4°1° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 22 gennaio 2019

Attualità lunedì 24 agosto 2015 ore 09:16

Bravìo 2015, presentanto il panno di Olmastroni

Il panno del Bravìo 2015, dipinto da Cesare Olmastroni, si ispira all'anniversario dei 100 anni dall'entrata dell'Italia nella Prima Guerra Mondiale



MONTEPULCIANO — Cesare Olmastroni, burbero barzellettiere - come è stato definito da molti giornalisti - rappresenta un'autorità in fatto di palii dipinti: è stato infatti autore di due cenci per il Palio di Siena e ha alle spalle molte collaborazioni con maestri e pittori famosi. "Dipingere una guerra o una tragedia è sempre una cosa brutta, ma mi sono detto: eppure, anche una tragedia deve avere qualcosa di bello da raccontare. È così che ho dipinto una sentinella rivolta verso il cielo con alle spalle, lasciata dietro di sé, la tragedia della guerra, come se guardasse e auspicasse a un futuro migliore".

L’Amministrazione comunale e il Magistrato delle Contrade hanno espresso la loro grande soddisfazione per il panno, che rispecchia pienamente lo spirito dell’anniversario. Anche il pubblico ha espresso la sua approvazione, accogliendo lo svelamento dell’opera con un caloroso applauso.

Il sindaco Andrea Rossi si è complimentato con tutto il Magistrato per l’impegno che tutti i suoi membri stanno dimostrando: "Nell’Amministrazione Comunale non sono mai venute meno la stima e la fiducia nell’operato del Magistrato delle Contrade, che ha sempre mantenuto un atteggiamento corretto, gestendo con trasparenza le risorse di cui dispone. Da parte sua, il Comune continua a considerare prioritario l’impegno profuso nel Bravìo, sia a livello economico sia attraverso il proprio personale. I miei complimenti vanno ai Rettori e a tutta la dirigenza”. Inoltre, il sindaco Rossi ha voluto specificare che il Bravìo non appartiene solo ai poliziani, ma è anzi un momento di grande attrazione per tutto il territorio, come testimoniato dalle innumerevoli presenze che Montepulciano sta registrando in questa settimana.

"E’ stata un'annata amara e dura ma ci ha formati sotto tanti punti di vista – dice il Reggitore Giulio Pavolucci – Il percorso fatto durante l’anno è per ricordare a tutte le contrade cosa avesse in mente Don Marcello quando ha ideato il Bravìo: socializzazione e spirito collaborativo, i due motori che fanno muovere e vivere ogni contrada, e di conseguenza tutto il Bravìo. Inoltre, vorrei ringraziare tutti coloro che lavorano dietro le quinte delle contrade, perché sono loro i veri pilastri della manifestazione”.

Durante la cerimonia, come ogni anno, è stato consegnato il “Grifo Poliziano”, premio che tradizionalmente viene attribuito a quelle personalità che si sono distinte per il loro impegno nella valorizzazione di Montepulciano e del suo territorio. Quest’anno, il premio è stato consegnato al defunto maestro HansWerner Henze, ideatore del Cantiere Internazionale d’Arte che ci ha lasciati due anni fa. L’onorificenza verrà ritirata dal Presidente della Fondazione Henze, Michael Kerstan, in occasione dell’Arca d’Argento.

Consegnato anche il premio del concorso enogastronomico “A tavola con il Nobile”, organizzato dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, che per il terzo anno consecutivo è stato vinto dalla contrada di Talosa. La contrada giallo rossa ha trionfato con il piatto “Tagliatini Giallo Rossi con verdure e rinforzo” abbinato alla pregiata DOCG poliziana. Madrina della manifestazione la famosa food blogger Sonia Peronaci di Giallo Zafferano.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca