comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 16°24° 
Domani 15°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 21 settembre 2020
corriere tv
Di Battista a Bari: «Il Movimento 5 stelle deve ricostruire la propria identità»

Attualità sabato 08 agosto 2020 ore 16:38

"Pd e Lega impediscono di ripubblicizzare l'acqua"

Comitato: "Con la loro assenza in Consiglio, hanno sabotato la modifica alla legge regionale presentata da Tommaso Fattori"



AREZZO — "Un'occasione persa". E' il concetto espresso dal Comitato Acqua Pubblica di Arezzo insieme al Forum Toscano dei Movimenti per l'acqua riferendosi al Consiglio regionale toscano.

"Ha chiuso in bellezza la legislatura: PD e Lega uniti, non partecipando, hanno impedito il voto sulla proposta di legge per una reale ripubblicizzazione dell’acqua, presentata tre anni prima da Toscana a Sinistra. Se davvero ce ne fosse stato bisogno i due partiti maggiori, apparentemente in opposizione, ci hanno confermato come non esista differenza quando si tratta di mirare al profitto".

L’occasione poteva essere "eccellente per dare una svolta alla gestione del servizio idrico, in senso democratico e partecipativo, nel rispetto e nella tutela di salute e ambiente; e rispondere finalmente alla volontà popolare espressa con i referendum del 2011. Invece i due schieramenti hanno sabotato il voto, accampando giustificazioni davvero risibili".

Secondo il Comitato Acqua Pubblica di Arezzo e il Forum Toscano dei Movimenti per l'acqua, in tutti questi anni la maggior parte dei politici ha continuato a parole a dichiararsi a favore della ripubblicizzazione, "per poi sostenere e facilitare in ogni modo la logica privatistica dello sfruttamento e del mercato: vedi, tra l’altro, le proroghe concesse a tutte le aziende idriche della regione. In effetti però un cambiamento c’è stato negli ultimi anni: si sta facendo strada una “nuova” proposta. A dirla tutta, il Governatore Rossi ci aveva già pensato all’indomani dei referendum: affidare il servizio idrico ad una società con capitale interamente pubblico, che liquidando la parte privata, si accaparrasse interamente gli utili, magari facendoli restare in Toscana. L’idea sta mettendo d’accordo maggioranze e opposizioni, senza distinzione di colore, semplicemente perché gli utili fanno gola a tutti".

I Movimenti per l’Acqua hanno sempre rifiutato una visione puramente finanziaria ed economicistica della gestione del servizio idrico, e in generale del bene comune, ma non si sono limitati a dire “no” alle scelte dei governi locali e nazionale. 

"C’è una proposta di legge sulla ripubblicizzazione, elaborata su quella di iniziativa popolare proposta nel 2007, che ancora giace indiscussa in Commissione parlamentare. - dicono - C’era anche la proposta non votata in Regione Toscana nell’ultimo Consiglio, elaborata sulla falsariga della stessa. Abbiamo però visto che fine ha fatto".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Attualità