Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO10°22°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Festa Leclerc: tutti in acqua dopo il trionfo, tuffo anche per il team principal

Cronaca mercoledì 27 dicembre 2023 ore 14:17

Si finge maresciallo e deruba un anziano

Deruba un anziano con la tecnica del sedicente maresciallo/avvocato. I Carabinieri di Lucignano denunciano un ventenne per furto e truffa.



VALDICHIANA — Ancora una truffa ai danni di un anziano. L’episodio è accaduto in Valdichiana a Lucignano dove un uomo si è recato presso i Carabinieri della stazione del luogo per denunciare la truffa subita. 
L’attività investigativa dei Carabinieri ha permesso di individuare e denunciare un uomo di 20 anni per le ipotesi di reato di truffa e furto aggravato in concorso, un soggetto con precedenti specifici.

Nelle scorse settimane si presentava presso i Carabinieri della Stazione di Lucignano, una persona anziana abitante nella zona. L’uomo, visibilmente preoccupato, sporgeva formale atto di querela contro ignoti, rimanendo vittima di una truffa ad opera di sedicenti FF.OO. ed avvocati.

L’uomo riferiva ai militari che nel primo pomeriggio del giorno prima, dopo essere stato contattato telefonicamente sulla propria utenza di telefonia fissa prima da parte di un sedicente maresciallo dei carabinieri e dopo da un finto avvocato, che gli raccontava falsamente come il nipote fosse in stato di arresto, l’anziano in buonafede consegnava materialmente ad un soggetto presentatosi presso la propria abitazione degli oggetti di valore. Riferiva di non aver notato alcun mezzo in uso al presunto malfattore, visto che il giovane sconosciuto si allontanava dall'abitazione a piedi, dileguandosi.

I Carabinieri della Stazione di Lucignano a conclusione di un’attività d'indagine durata alcuni giorni, hanno individuato e denunciato all’autorità giudiziaria aretina, per le ipotesi di reato di truffa e furto aggravato in concorso, un soggetto con precedenti specifici di circa 20 anni.

L’attività investigativa, consistita nell'esame dei flussi bancari, di escussione di persone informate sui fatti, di riconoscimento fotografico e di individuazione dell'autoveicolo utilizzato, permetteva l'attribuzione di gravi indizi di colpevolezza al soggetto deferito a piede libero, con il "modus operandi" del sedicente carabiniere/avvocato, ai danni di persona anziana.

I Carabinieri continuano a raccomandare la massima attenzione a tutti e prima di decidere se aprire o meno la propria porta di casa a chi si presenta come rappresentante delle forze dell’ordine, è opportuno:

-controllare se in strada ci sia parcheggiata l’autovettura di servizio;

-capire bene il motivo della visita;

-controllare con cura il tesserino di riconoscimento per soggetti non in divisa;

-osservare, per quanto possibile, i particolari dell’uniforme e degli accessori.

Nel dubbio anche minimo contattare il 112.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco le opportunità proposte dai Centri Impiego di Arezzo e provincia, lavori a tempo indeterminato e determinato ed apprendistato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca