Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO11°20°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video del rapimento di 5 soldatesse israeliane il 7 ottobre, insulti e sangue

Attualità mercoledì 25 gennaio 2017 ore 17:01

Quale futuro per le filiere cerealicole in Toscana

A Firenze gli Stati generali del settore cerealicolo in attesa del via libera di Bruxelles per l'etichetta obbligatoria del grano usato nella pasta



VALDICHIANA —

In Toscana mediamente vengono coltivati circa 160.000 ettari a cereali dei quali 110.000 a grano; con 90.000 ettari seminati a grano duro e circa 20.000 quelli in cui si coltiva il grano tenero. 3.5 milioni di quintali di grano prodotti. La produzione del grano duro si concentra nella province di Siena, Grosseto e Pisa, mentre ad Arezzo va il primato per il grano tenero, coltivato soprattutto in Valdichiana. Sono circa 15.000 le imprese agricole toscane che coltivano grano.

L'iniziativa che si è svolta a Firenze, “Le filiere cerealicole in Toscana: problematiche attuali e prospettive future” e che ha visto intervenire Massimo Neri presidente del Consorzio Agrario del Tirreno e alla tavola rotonda del pomeriggio, di Fabrizio Filippi vice-presidente di Coldiretti Toscana, ha approfondito le problematiche attuali e le prospettive future delle principali filiere cerealicole regionali ed esaminato i principali punti di forza come per esempio la valorizzazione della tipicità, della qualità e della tracciabilità (ad esempio il Pane Toscano DOP).

“Il 2016 è stato un anno nero per il settore – ha commentato ai margini del convegno Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana - caratterizzato dal crollo del prezzo del grano duro destinato alla pasta che è praticamente dimezzato (-43 per cento) mentre si è registrato un calo del 19 per cento per il grano tenero destinato alla panificazione. Tale situazione, parzialmente recuperata a fine anno, rischia di compromettere il futuro della cerealicoltura toscana”.

“Una nota positiva per il comparto cerealicolo – dice Antonio De Concilio, Direttore di Coldiretti Toscana - è l’origine obbligatoria in etichetta del grano impiegato nella pasta come previsto nello schema di decreto condiviso dai Ministri delle Politiche agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, attualmente al vaglio della Commissione Europea, che ci auguriamo riceva presto l’auspicato via libera”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lavori per la nuova segnaletica orizzontale, le strisce di via Maffei e via Santa Margherita da bianche diventano gialle. Come ottenere il permesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca