Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO13°24°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Allegri furioso a fine partita, la frase urlata uscendo dal campo: «E vogliono giocare nella Juve»

Attualità giovedì 25 maggio 2017 ore 12:24

Lotta contro la contrattazione del tabacco

L’Italia è il più grande produttore di tabacco a livello comunitario e in Toscana viene maggiormente coltivato in Valdichiana e in Valtiberina



VALDICHIANA — L’Italia è leader nell’Unione europea con oltre 1/4 della produzione complessiva. sviluppata su 18.000 ettari soprattutto in Campania, Veneto, Umbria e Toscana.

“Nella nostra regione – dice Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana - il tabacco viene coltivato su una superficie di 1600 ettari, per la maggior parte nelle zone della Valdichiana e della Valtiberina. Il kentucky è stato riconosciuto prodotto agroalimentare tradizionale della Toscana ed è stato inserito nel relativo elenco regionale. Siamo leader assoluti a livello nazionale con l’80% per ciò che riguarda la foglia di tabacco utilizzata per la fascia del Sigaro Toscano, ossia la parte esterna, costituita dalla foglia intera, elastica di un marrone uniforme e vivace. In questo comprensorio si concentrano circa 200 aziende per oltre 1000 ettari di terreni coltivati a kentucky”.

Proprio per tutelare maggiormente questo prodotto, Gennaro Masiello, vicepresidente nazionale della Coldiretti, è stato nominato presidente della Elti, l’Organizzazione Interprofessionale Europea del Tabacco che gestisce una filiera dove trova lavoro oltre mezzo milione di persone. Elti coinvolge la gran parte del tabacco greggio prodotto e trasformato nell'Unione europea. Sono undici paesi i produttori  di tabacco Italia, Spagna, Polonia, Grecia, Bulgaria, Francia, Ungheria, Germania, Belgio, Romania e Svizzera

“Il futuro del settore che ha dimostrato capacità di resistere alle forti sollecitazioni in questi anni, che hanno messo a dura prova gli imprenditori che hanno continuato a credere nel comparto – commenta Antonio De Concilio, direttore Coldiretti Toscana – è certamente legato alla collaborazione attraverso la razionalizzazione e l’accorciamento della filiera, grazie agli impegni pluriannuali come quello sottoscritto da Coldiretti con Philip Morris Italia, un percorso innovativo, che ha contribuito a porre le basi per migliorare la conoscenza e la capacità di confronto con il mercato, aumentando anche le risorse destinate alla ricerca, offrendo al mercato un prodotto di qualità e ad alta distintività”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Venerdì l'ultimo gradino della competizione nazionale a Firenze. Complimenti e in bocca al lupo dall'assessore Cappelletti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità