Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO10°22°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Festa Leclerc: tutti in acqua dopo il trionfo, tuffo anche per il team principal

Attualità domenica 10 marzo 2024 ore 10:05

Sanità, 32 milioni per combattere le liste d'attesa

ospedale

Il budget messo in campo per il 2024 servirà per produttività aggiuntiva del personale sanitario o acquisto di prestazioni nel privato convenzionato



TOSCANA — Per combattere e contenere le liste d'attesa, nel 2024 la sanità toscana potrà contare su un budget di 32 milioni di euro che serviranno per la produttività aggiuntiva di medici, infermieri e tecnici oppure per acquistare prestazioni nel privato convenzionato: la cifra è messa in campo dalla Regione Toscana che con questo metodo nel 2023 ha recuperato 321.065 prestazioni, più di 20mila interventi chirurgici e oltre 300mila prestazioni ambulatoriali.

E allora si replica una misura che consentirà di spendere lo 0,4% delle risorse del fondo sanitario nazionale che la legge di stabilità permette di assegnare, in deroga ai tetti di spesa, a questo scopo. 

In particolare, nel 2024, dei 32 milioni spendibili 19 milioni saranno destinati al recupero delle prestazioni ambulatoriali, 12 milioni per il recupero degli interventi chirurgici e uno per gli screening oncologici.

La giunta regionale ha approvato nei giorni scorsi la delibera che consentirà ora di procedere all’assegnazione delle risorse e degli obiettivi alle aziende sanitarie ed ospedaliere universitarie. La ripartizione avverrà proporzionalmente alla popolazione assistita per area vasta e tenuto conto delle criticità emerse nell’anno precedente per il rispetto dei tempi e delle specialità che hanno registrato performance inferiori agli standard. 

Tra le novità del piano ci sono progetti specifici per le aree territoriali che presentato maggiori criticità e progetti specifici per incentivare l’appropriatezza prescrittiva.

Dodici milioni per la chirurgia

Per gli interventi chirurgici le risorse dovranno essere utilizzate principalmente per recuperare gli interventi arretrati e per il rispetto dei tempi massimi di classe A. 

Per quanto riguarda gli interventi oncologici, per cui la Regione Toscana riesce a soddisfare in oltre il 90% dei casi i tempi per gli interventi di classe A, le risorse saranno destinate agli interventi oncologici di classe B. 

Dei 12 milioni a disposizione, 6 sono stati assegnati proporzionalmente al numero di residenti per area vasta e al numero di pazienti in lista d’attesa al 31 Dicembre 2023.

Specialistica ambulatoriale

Più della metà delle risorse destinate ad abbattere le liste di attesa riguardano le prestazioni di specialistica ambulatoriale. Si tratta di 19 milioni, di cui 10 milioni sono stati assegnati sulla base delle distribuzione degli assistiti e dei volumi erogati nell’ultimo anno e sei milioni distribuiti proporzionalmente al numero di prestazioni prenotate oltre i tempi massimi di attesa.

L’area delle prestazioni di specialistica ambulatoriale ha conosciuto un’evoluzione notevole nel corso dell’ultimo anno, anche a seguito di una serie di misure messe in campo dall’assessorato al diritto alla salute che hanno consentito di accorciare le liste di attesa. 

Non ovunque sono stati però raggiunti gli stessi risultati, conseguenza di territori a volte molto diversi tra loro per demografia e morfologia e volumi di offerta. Proprio per far fronte a questa disomogeneità e garantire equo accesso alle cure a tutti i cittadini della Toscana, 3 dei 19 milioni di euro sono stati assegnati in egual misura alla Asl Toscana Nord Ovest e alla Asl Toscana Centro per progetti speciali destinati ai territori dove sono state registrate criticità più accentuate nel 2023 come, ad esempio, le zone di Empoli, Livorno, Pistoia e Massa.

Inoltre la Regione punta a lavorare anche sulla domanda e sull’appropriatezza prescrittiva: viene così data la possibilità alle aziende di destinare una percentuale delle risorse a progetti specifici che coinvolgano medici di medicina generale e pediatri di famiglia.

Screening oncologici più partecipati

Non poteva mancare attenzione sul fronte della prevenzione, fondamentale per il benessere delle singole persone ma anche per la salute collettiva e la sostenibilità del sistema sanitario pubblico. Se infatti una patologia viene diagnosticata precocemente, a seguito di un più corretto stile di vita, si riducono le prestazioni future e quindi le possibili liste di attesa.

Negli obiettivi che la Regione ha chiesto alle aziende di raggiungere c’è così la crescita delle adesioni agli screening oncologici, a cui ha destinato un milione di euro, distribuiti in base agli editi dell’anno precedente. Si punta ad alzare il livello di partecipazione ai tre esami previsti dal nuovo sistema di garanzia dei livelli essenziali di assistenza, ovvero cervice uterina, mammella e colon retto.

"Una misura fra le prime in Italia"

“Servirebbero ancora più risorse, aggiuntive, o la possibilità di assumere più personale per risolvere il problema delle liste di attesa", sottolinea il presidente della Toscana, Eugenio Giani. "Lo abbiamo chiesto più volte al governo: la spesa sanitaria è un investimento, la pandemia da Covid ce lo dovrebbe aver insegnato ma i numeri italiani sono inferiori alla media europea. Per questo abbiamo chiesto che la spesa sanitaria non sia meno del 7,5% del Pil: oggi è poco più del 6%. In Toscana stiamo già utilizzando a pieno regime gli spazi concessi dalle norme e dai bilanci”.

“Siamo tra le prime regioni in Italia a procedere all’assegnazione delle risorse per contenere le liste d’attesa", afferma l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini. "Lo scorso anno abbiamo speso la totalità delle risorse in 8 mesi e quest’anno intendiamo fare lo stesso, con il massimo impegno e collaborazione delle aziende". 

"Il piano – continua - è stato costruito tenendo conto del quadro attuale, delle criticità emerse e portando anche attenzione sulla prevenzione, consapevoli che è un investimento sulla salute collettiva e la sostenibilità del sistema. Nell’ultimo anno abbiamo fatto un grande lavoro di squadra con tutto il sistema sanitario che sta andando avanti – conclude - ma per una riduzione significativa dei tempi d’attesa dobbiamo essere consapevoli che serve un investimento maggiore da parte del Governo sul fondo sanitario”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco le opportunità proposte dai Centri Impiego di Arezzo e provincia, lavori a tempo indeterminato e determinato ed apprendistato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca