Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:08 METEO:MONTEPULCIANO17°35°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'avversario «immaginario» di Vito Dell'Aquila, ecco come si è allenato per le Olimpiadi

Attualità martedì 04 ottobre 2016 ore 10:05

50 anni di Teatro Povero di Monticchiello

Studiosi di teatro, antropologi, giornalisti si incontrano per parlare di teatro e comunità del borgo toscano e i suoi cinque decenni di drammaturgia



PIENZA — Per discutere attorno al Teatro Povero di Monticchiello occorre chiamare a raccolta un ampio ventaglio di approcci: lo studioso di teatro dialoga con antropologi e sociologi; il critico teatrale, il giornalista devono confrontarsi con lo storico e il letterato.

Il TPM è infatti oggetto multiforme, complesso e affascinante non solo per la durata dell’esperienza in sé ma per la sua tendenza a debordare fuori dai limiti del semplice fenomeno teatrale: compagnia e cooperativa, comunità e istituzione partecipativa, gestore di servizi sociali, promotore di progetti, partner di piani amministrativi.

Alla confluenza di tutto questo si situa un unicum nel panorama italiano, che attraversa la storia della Repubblica e le sue trasformazioni: dalle radici nel mondo contadino e mezzadrile della ‘piccola Italia’, di quelle comunità ricche di storia e tenacia che costellano il nostro Paese; fino al tempo presente, aperto a sfide interculturali, di integrazione e sviluppo, che il Teatro Povero affronta da un punto di vista angolato ma non privo di interesse e stimoli.

A 25 anni dall’ultimo grande convegno sul tema, a 50 dalla nascita dell’istituzione, l’appuntamento dell’ottobre 2016 permette di mettere a fuoco alcuni dati essenziali di questa esperienza, grazie al contributo di studiosi italiani ed europei e dei protagonisti della vita della compagnia. Un momento di approfondimento e formazione che da una parte si rivolge a operatori e formatori culturali, insegnanti e studiosi; ma che vuol essere momento d’incontro soprattutto per quella grande famiglia di appassionati che seguono da tempo il Teatro Povero con affetto e partecipazione.

Il convegno ha il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Toscana, dell’Unione dei Comuni della Valdichiana senese; della Città di Pienza; dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Iniziativa nell'ambito del cartellone estivo "Notte sensoriali". Questa sera biglietto e fiore nei tavoli dei ristoranti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS