Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:MONTEPULCIANO13°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità mercoledì 28 ottobre 2020 ore 10:24

​“No al taglio dei medici sull’ambulanza”

I sindaci della Valdichiana Senese chiedono alla Usl di garantire la figura professionale sui mezzi di emergenza-urgenza



MONTEPULCIANO — L’Unione fa la forza, a maggior ragione quando in ballo c’è la salute delle persone. L’Unione è quella dei Comuni della Valdichiana Senese ma è anche l’unione di sindaci che, insieme, alzano la voce contro il taglio dei medici a bordo dell’ambulanza. Se da un lato i sindaci comprendono “le difficoltà della Usl di assumere figure professionali adeguate” dall’altro non ritengono l questione un motivo sufficiente per rinunciare al medico a bordo anche in uno solo dei mezzi dedicati all’emergenza urgenza che coprono il servizio nell’ambito della Valdichiana Senese”. 

I dieci sindaci della Valdichiana senese (insieme agli assessori di riferimento di Montepulciano, Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Pienza, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena e Trequanda) hanno convocato un tavolo di confronto con i vertici della Asl per capire come affrontare e risolvere la criticità dal momento che la difficoltà oggettiva sarebbe non di natura economica ma relativa alla carenza del profilo professionale richiesto. 

La proposta avanzata dai tecnici Usl avrebbe previsto la sostituzione di un’auto medica, delle tre che coprono il territorio di riferimento della Valdichiana Senese, con un’auto con a bordo un solo infermiere. Dei tre automezzi dedicati all’emergenza urgenza interessati - l’ambulanza con base a Sinalunga e le due auto mediche che fanno capo a Sarteano e Nottola - la proposta di sostituzione della figura del medico con quella dell’infermiere avrebbe riguardato quest’ultima, trattandosi di quella più vicina al Pronto Soccorso. 

Dai primi cittadini arriva un no deciso. “Ci impegneremo e daremo il massimo del supporto all’Azienda e ai medici per far fronte alle difficoltà di reperimento di figure professionali adeguate, ma reputiamo non praticabile la strada proposta. Per questo, pur consapevoli del gravoso carico di lavoro in capo ai medici, agli infermieri e ai volontari a causa della carenza di organico, abbiamo chiesto alla Usl di continuare a dare il servizio con le stesse modalità organizzative adottate fino ad oggi in attesa di nuove assunzioni che dovranno concretizzarsi al più presto”. 

Se si pensa che la macchina dell’emergenza-urgenza coordinata dalla Usl garantisce un servizio fondamentale in un territorio dove vivono oltre sessantamila persone, è facile comprendere la preoccupazione dei sindaci della Valdichiana Senese. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domani e per tutta la settimana, il "Peter Pan" resterà chiuso a scopo precauzionale. Il sindaco ha firmato l'ordinanza
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità