Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO12°27°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
G7 in musica: Bocelli canta 'Nessun dorma', Biden chiude gli occhi, Meloni si scatena nel ballo

Attualità lunedì 17 maggio 2021 ore 11:05

Una foresta urbana in via Goito

La sfida è stata lanciata da tre giovani agronomi e raccolta dall'amministrazione comunale



MONTEPULCIANO — A Montepulciano Stazione, in via Goito sta crescendo una foresta. Il termine va inteso in senso scientifico, quindi non un ammasso di piante fitto e disordinato, ma un insieme di arbusti e di alberi di media grandezza e di alto fusto che, in questa condizione, sono capaci di produrre positivi aspetti per l’ambiente.

L’appezzamento di terreno scelto per la creazione di questa “foresta urbana” si trova nella stessa zona che accoglie gli “orti urbani”, ha una superficie di circa 100 metri quadrati ed è di proprietà del Comune che, accogliendo una richiesta dell’associazione no-profit Tree Time, lo ha messo gratuitamente a disposizione di tre agronomi, Guido Cencini e Andrea Pagliai, di Montepulciano, e Gabriele Mori. 

I tre professionisti hanno proposto all’amministrazione di impiantare una mini-foresta secondo il metodo innovativo messo a punto dal botanico giapponese Akira Miyawaki, già utilizzato in molte parti d’Europa e del mondo (ma non ancora diffusa in Italia, soprattutto in ambito urbano). Ottenuto in comodato il terreno, la Tree Time, dopo aver adeguatamente lavorato e trattato il terreno, ha messo a dimora più di 200 piante, di circa 20 specie autoctone diverse, con densità molto elevata (fino a 3 piante a metro quadro). 

“La mini-foresta urbana – spiegano i promotori – è composta esclusivamente da specie autoctone, diffuse nei boschi del nostro areale. Sono state messe a dimora piccole piante (1-2 anni di età), appartenenti alla famiglia delle querce (roverella, leccio e cerro), aceri, alberi di giuda e ontani. Sono presenti anche alberi da frutto come il pero selvatico, il ciliegio selvatico, il gelso nero e il melo selvatico. Infine, specie cespugliose come la ginestra, il ginepro e il biancospino”.

“Una nuova area verde si aggiunge alle numerose già presenti sul territorio – commenta il sindaco Michele Angiolini – incrementando i benefici che queste producono per l’ambiente e per l’uomo e la piacevolezza che trasmettono. Per la sua originalità, la sfida è affascinante e sta già appassionando tutti coloro che vi entrano in contatto. Ci ha convinto anche la qualità della proposta che, comprendendo esclusivamente specie autoctone, si inserisce armoniosamente nel nostro contesto vegetale”.

“Il progetto si inquadra nel più vasto piano di piantumazioni che stiamo progressivamente realizzando in tutto il territorio comunale – sottolinea l’assessore all’Ambiente Emiliano Migliorucci - per arricchire il nostro patrimonio verde e contribuire al mantenimento dell’equilibrio ambientale. Siamo inoltre soddisfatti per aver dato pronta (e positiva) risposta ad un’associazione di giovani che si impegnano per il territorio e che comprende anche nostri concittadini”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco l'elenco dei prezzi del carburante in provincia di Siena. Comune per comune gli impianti più economici dove fare rifornimento.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca