QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 10°19° 
Domani 11°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 21 settembre 2019

Cronaca mercoledì 05 giugno 2019 ore 10:00

Overdose nel casolare, pena dimezzata in appello

Sara Smahi aveva 19 anni quando venne trovata senza vita in località Cesa. Riduzione di pena in appello per il presunto spacciatore



MARCIANO — Due anni per morte in conseguenza di altro reato e due anni e quatto mesi per spaccio. E' la sentenza emessa in appello nei confronti di Jbeil Moez, imputato nel processo per la morte per overdose di Sara Smahi, la 19enne trovata senza vita in un casolare in località Cesa nel marzo 2017.

Dimezzata la pena inflitta nel primo grado di giudizio, che passa da 8 anni a 4 anni e 4 mesi: in appello i giudici hanno infatti portato la condanna per spaccio a due anni e quattro mesi e mantenuto due anni per morte in conseguenza di altro reato, appunto lo spaccio.

Le indagini ricostruirono che Sara si trovava nella villetta insieme ad altre persone, tra le quali il fidanzato, ancora oggi irreperibile, e Jbeil Moez.

Sara Smahi, originaria del Marocco, abitava da tempo a Sansepolcro. A trovare il suo cadavere fu la proprietaria del casolare che il gruppetto aveva preso in affitto a Marciano.



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca