Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:MONTEPULCIANO8°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Patrick Zaki di nuovo a casa: «Grazie Italia, voglio tornare presto. Aspettatemi»

Attualità venerdì 20 febbraio 2015 ore 11:01

Il Tar respinge il ricorso di Powercrop

La decisione si è basata su considerazioni tecniche e ambientali. Il presidente Vasai si dice soddisfatto e confermata la bontà del loro operato



CASTIGLION FIORENTINO — “Mi piace - afferma il presidente della provincia Roberto Vasai - ricordare che a quel responso della conferenza dei servizi si era giunti anche dopo aver coinvolto la popolazione attraverso il procedimento di inchiesta pubblica”.

La nuova centrale biomasse sarebbe dovuta nascere prima nell’area dell’ex zuccherificio Sadam e poi su Poggio Ciliegio e avrebbe dovuto avere circa nove camini, di cui uno alto 35 metri che, secondo il comitato salute e paesaggio in Valdichiana, avrebbe rilasciato nell’atmosfera circa 14 mila tonnellate di polveri sottili nocive per la salute.

Sulla questione erano arrivati dissensi dai protagonisti politici locali e non solo. Una delle prime voci a farsi sentire fu quella di Angelo Tanganelli di Patto per Castiglioni sollevando una serie di dubbi sul progetto: rispetto della salute dei cittadini e il dato occupazionale. A rincarare la dose il Pd di Castiglion Fiorentino che chiese a PowerCrop di fare chiarezza su una serie di punti: impatto dei mezzi destinati al trasporto della materia prima, accordi di filiera locale per la fornitura della materia prima destinata alla centrale, fino a chiedere come intendeva PowerCrop smaltire le ceneri residue della combustione del panello e della granella.

Anche Chiara Gagnarli parlamentare aretina del M5S intervenne sulla questione con sedici osservazioni emerse dalla valutazione dell’impatto ambientale: quali la difformità del progetto rispetto ai pregressi accordi, la svalutazione dei beni e delle attività circostanti, la diminuzione della disponibilità di acqua, il grave impatto generato dalle emissioni della Centrale sulla salute dei cittadini, l’impatto sul sistema del paesaggio di elevato valore, la necessità di un bilancio energetico-ambientale, le problematiche legate all’approvvigionamento oltre i limiti della filiera corta, oltre alla perdita della biodiversità a vantaggio della monocoltura energetica.

Tutto questo fino ad arrivare alla conclusione odierna. Soddisfazione per il ricorso arriva anche dall’associazione Tutela Valdichiana da sempre in prima linea affinché progetti sconsiderati, non ecosostenibili e irrispettosi del territorio non vengano realizzati


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovo negozio di 70 metri quadri, è il quarto in Toscana della maison che punta all'ampliamento della rete di distribuzione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità