Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:31 METEO:MONTEPULCIANO5°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Sport lunedì 26 settembre 2016 ore 10:01

Cristian Caselli sull'olimpo del trail

Cristian Caselli

Cristian Caselli, classe 87 alla sua 2 stagione agonistica, con 96,32' si è classificato 10 assoluto e primo under 30 alla 7° Tor des Geants



FOIANO DELLA CHIANA — Un’altra epica impresa podistica di una squadra della Valdichiana. E’ successo sulle Alpi, dove 850 atleti da oltre 70 paesi si sono dati appuntamento l'11 settembre a Courmayer in occasione della 7°edizione del Tor des Geants, gara di corsa in montagna di 340 km e oltre 30000 mt di dislivello positivo (circa 4 volte la scalata dell everest)

Alla gara ha partecipato anche l'aretino Cristian Caselli che ha portatoa  a casa un risultato stratosferico se si considera che solo un anno prima la gara era stata interrotta per maltempo e Cristian era stato classificato 82°.

La gara che prende il via da Courmayer affronta le due alte vie della Valle d'Aosta per poi tornare nuovamente a Courmayer in massimo sei giorni, le difficoltà maggiori sono la quota con passaggi oltre i 3000mt e la gestione del sonno. Che la gamba di Cristian era buona lo si era capito in luglio quando nella massacrante 100 miglia della Ronda del Cims (Pirenei) Cristian si era dovuto ritirare a soli 30 km dall arrivo per una caviglia fuori uso mentre era sesto assoluto e in agosto quando in testa al gran raid 3v si era perso a 5 km dall’arrivo giungendo poi 3.

"Quest’anno sono cambiate molte cose, in primis l'allenatore, dopo un 2015 deludente era venuto il momento di rivedere un po’ di cose cosi mi sono affidato al padovana Lisa Borzani (7°assoluta e 1 donna in 91 ore) e da li è iniziata la mia rincorsa al Tor - spiega l’atleta - Per prepararsi a una gara del genere in primis è fondamentale correre una gara sopra ai 100 km ogni mese, poi bisogna allenare tanto la testa a sopportare sonno e fatica.. durante tutta la gara ho dormito solo un ora e quaranta". 

L'atleta continua che il momento peggiore della gara è stata  la terza notte: "Ero completamente solo nel punto piu selvaggio della gara e mi è preso un attacco di sonno, dopo un'ora che procedevo in maniera veramente lenta ho capito che dovevo dormire e cosi mi sono appoggiato 10 minuti ad una mucca che stava dormendo in un pascolo, cosi appena risvegliato ho avuto l'autonomia per arrivare al check point successivo e ristorami a dovere". 

Mentre quello più bello è stato sicuramente l'arrivo: "Ho scollinato il Malatrà alle 4 di notte sotto una tormenta di neve e da li in poi sono entrato in una specie di incoscienza dalla quale mi son ripreso solo poche centinaia di metri prima dell'arrivo dove c'erano ad aspettarmi i miei genitori e tutto il team Ferrino".

Cristian tra un mese sarà in Turchia poi inizierà a preparare il 2017 dove si vorrebbe confrontare nel World Series con i migliori al mondo. 

"voglio anzi tutto la mia famiglia che mi ha supportato per 340 km, gli amici della Uisp Chianciano e della Ronda Ghibellina e i miei sponsor il Trekking Point Arezzo e Ferrino che mi hanno dato la possibilità e poi i materiali per affrontare al meglio questo sogno". - conclude Cristian.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Inaugurato il cartellone di eventi che accompagnerà tutto il periodo delle festività. Oggi la prima performance con gli artisti del circo bianco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità