Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:35 METEO:MONTEPULCIANO12°28°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 23 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ucraina, ergastolo per il primo soldato russo a processo: la lettura della sentenza

Attualità lunedì 05 ottobre 2015 ore 11:44

Decreto sanità, Fiorini a favore dell'abrogazione

Foto di: Immagine di repertorio

Fino alla fine di Ottobre raccolta firme per l’abrogazione del decreto sulla sanità, Fiorini invita a partecipare per evidenziare tutte le “assurdità”



VALDICHIANA — “Non voglio entrare nel merito come il Ministro Lorenzin e gli addetti ai lavori spiegano ai cittadini il nuovo decreto sanità. Non condiviso certi meccanismi di chiara emanazione di una sinistra sempre più invasiva e prevaricatrice che si dimentica di mettere al centro del problema l’individuo che ha bisogno di attenzioni, di cure, di accoglienza nel senso più vasto del termine, perché non porterebbero da nessuna parte” – esordisce così Rita Fiorini, consigliera autospesa dal consiglio comunale di Chiusi.

Vorrei focalizzare la mia attenzione sui i fruitori del sistema sanitario sono le persone, purtroppo, che non possono rincorrere gli step della Legge per sentirsi curati e protetti, magari distrutti da sofferenze insopportabili".

La proposta di Fiorini quindi è quella di incrementare i bilancio per i disabili, malato di Sla, Altzimer, magari prevedendo, oltre all’assistenza ospedaliera specialistica anche quella domicialare che, in alcuni casi, è essenziale per lasciare nel proprio ambiente persone che, impedite, hanno necessità di affetti familiari.

Potenziare le Asl di Paesi più piccoli, con attrezzature importanti per certe patologie come l’intervento di malattie cardiovascolari, piuttosto che essere obbligati a raggiungere ospedali specializzati. Sempre più spesso i cittadini sono costretti a servirsi delle strutture private per accelerare i tempi e soprattutto certe categorie di pensionati o di persone con redditi bassi o nulli sono costrette a scegliere se rinunciare alle prestazioni o sostenere spese importanti. In spending review si cerca di tenere un occhio più oculato nelle spese, ma non certo non speculando sulla voce “salute e benessere”. A mio avviso non si fa ciò vuol dire sanzionare i medici per le prescrizione anche potrebbero sembrare esagerate non indispensabili. Inoltre è importante anche la prevenzione”.

Fiorini continua: “Nel passato c’e stato un abuso ma ritengo e spero solo per motivi di attenzione alla definizione di una diagnostica sicura, certa al fine di non incorrere in errori insanabili per i pazienti. Speriamo per tanto che questo referendum serva per dare voce ai cittadini, possa significare un vero atto di partecipazione democratica, allargata a quanti hanno molto da dire e non possono farlo perché rappresentati in modo superficiale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella mappa sull'andamento della pandemia emersa nelle ultime 24 ore i numeri assoluti sono bassi ma il virus percorre tutti i territori e le vallate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità