Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:31 METEO:MONTEPULCIANO10°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 11 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Raga, se arrivano gli sbirri nessuno scappa», la guerriglia a San Siro

Attualità martedì 26 gennaio 2021 ore 11:40

"Giorno della memoria" tra racconti e immagini

E' il programma per domani, organizzato dall'istituto comprensivo insieme all'amministrazione comunale



CIVITELLA — In occasione del “Giorno della Memoria”, l’Istituto comprensivo Martiri di Civitella, con il finanziamento dell’amministrazione comunale di Civitella, malgrado la pandemia non si ferma ed organizza una serie di attività per tutti gli studenti: “Il Segnalibro della Memoria”. Racconti, affabulazione, immagini, video, discussioni per tutta la giornata di domani 27 gennaio, con l’intervento dell’attrice Silvia Martini.

Data la situazione Covid-19 gli interventi non si terranno in auditorium ma nelle singole classi dalle 9.30 alle 13.30.

Alle 11.30 ci saranno i saluti istituzionali alla presenza del sindaco Ginetta Menchetti, del provveditore agli studi Roberto Curtolo e del dirigente scolastico Iasmina Santini.

“Ricordare – commenta la preside Santini – è la base sulla quale possiamo costruire un futuro migliore per i nostri studenti”.

“Ricordare – conclude il sindaco Menchetti – è un dovere morale prima ancora che istituzionale, affinché gli errori del passato siano un monito per il presente ed il futuro. In questa fase particolare che stiamo attraversando dobbiamo comunque tenere bene a mente gli insegnamenti che questo giorno porta con sé. Per questo, nel pieno rispetto di tutte le norme, abbiamo voluto esserci e ricordare una delle pagine più drammatiche della nostra storia”.

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Versante aretino in aumento rispetto a ieri, quello senese invece è in calo. Civitella e Monte San Savino sono i Comuni più colpiti
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Cronaca