Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:41 METEO:MONTEPULCIANO10°19°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, sparatoria in una scuola a Kazan: gli spari e gli studenti in fuga dalla finestre

Attualità sabato 31 gennaio 2015 ore 15:12

Non esistono viaggiatori di serie A o B

Il sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli commenta l’esito dell’incontro tra Regione, Trenitalia e Comitato dei pendoli Arezzo e Valdichiana



CHIUSI — Dalla discussione è emersa la volontà da parte della Regione di escludere i treni regionali dalla Direttissima e quindi i treni locali che da Arezzo si dirigono verso Firenze o verso Roma dovrebbero essere spostati nella linea lenta.

“Questa scelta porterebbe alla divisione dei viaggiatori in serie A e in serie B. – commenta Stefano Scaramelli - Se in Toscana nessun treno regionale viaggerà più sulla Direttissima dobbiamo fare fronte comune per far prendere un impegno serio a Trenitalia finalizzato a fare dell’Alta Velocità (AV). Nel 2015 non è possibile impiegare più tempo di quanto occorreva 30 anni fa per percorrere le tratte regionali, in questo modo è come chiedere di sprecare parte della propria vita e questo non è tollerabile.

L’Alta Velocità a Chiusi non solo sarebbe un vantaggio enorme per il territorio, sia dal punto di vista economico che turistico, ma anche e soprattutto un segnale per dire una volta per tutte che, alle giuste condizioni, non esistono viaggiatori di serie A o di serie B. Occorre offrire pari condizioni a tutti i cittadini e non penalizzare chi vive lontano dai grandi centri ma ambisce a lavorarci. 

Il Comune di Chiusi – conclude Scaramelli – dispone di strumento urbanistico, area pubblica e progetto. Il tutto sarebbe fattibile in pochissimi anni.”

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità