Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO17°33°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Maneskin, Victoria De Angelis dj (in bikini) nella stanza d'albergo

Attualità sabato 31 gennaio 2015 ore 15:12

Non esistono viaggiatori di serie A o B

Il sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli commenta l’esito dell’incontro tra Regione, Trenitalia e Comitato dei pendoli Arezzo e Valdichiana



CHIUSI — Dalla discussione è emersa la volontà da parte della Regione di escludere i treni regionali dalla Direttissima e quindi i treni locali che da Arezzo si dirigono verso Firenze o verso Roma dovrebbero essere spostati nella linea lenta.

“Questa scelta porterebbe alla divisione dei viaggiatori in serie A e in serie B. – commenta Stefano Scaramelli - Se in Toscana nessun treno regionale viaggerà più sulla Direttissima dobbiamo fare fronte comune per far prendere un impegno serio a Trenitalia finalizzato a fare dell’Alta Velocità (AV). Nel 2015 non è possibile impiegare più tempo di quanto occorreva 30 anni fa per percorrere le tratte regionali, in questo modo è come chiedere di sprecare parte della propria vita e questo non è tollerabile.

L’Alta Velocità a Chiusi non solo sarebbe un vantaggio enorme per il territorio, sia dal punto di vista economico che turistico, ma anche e soprattutto un segnale per dire una volta per tutte che, alle giuste condizioni, non esistono viaggiatori di serie A o di serie B. Occorre offrire pari condizioni a tutti i cittadini e non penalizzare chi vive lontano dai grandi centri ma ambisce a lavorarci. 

Il Comune di Chiusi – conclude Scaramelli – dispone di strumento urbanistico, area pubblica e progetto. Il tutto sarebbe fattibile in pochissimi anni.”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno