Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO14°22°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»

Attualità domenica 10 maggio 2020 ore 15:39

Riaperture immediate e risorse a fondo perduto

Franca Binazzi, presidente Cna Arezzo

Questa la richiesta di Cna Arezzo per sostenere le imprese. Attualmente ben 7 aziende su 10 hanno fatto ricorso alla Cassa integrazione



AREZZO — “Riapertura prima possibile di tutte le attività nel rispetto dei protocolli per la sicurezza e risorse a fondo perduto per artigiani e piccole imprese e per i settori più colpiti dalla crisi”. Queste sono le priorità che sottolinea con forza Franca Binazzi, Presidente Cna Arezzo insieme all’innalzamento a mille euro del Bonus autonomi, alla totale deducibilità dell’Imu, alla cancellazione dell’Irap sugli autonomi e le imprese individuali, allo slittamento dell’acconto sulla tassazione senza sanzioni, alla conferma di risorse per gli ammortizzatori sociali.

Siamo di fronte ad una crisi senza precedenti – precisa  Binazzi – benessere, oro e moda, costruzioni, turismo, prevedono per il 2020 un giro d’affari più che dimezzato con una flessione più contenuta solo per i servizi alle imprese"

Ad oggi, infatti, ben 7 imprese su 10 hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali. 
Anche le risorse destinate alla Cassa integrazione e al blocco dei licenziamenti appaiono insufficienti ed in misura tale da non poter garantire posti di lavoro.

Inoltre, l'inevitabile crollo della domanda, ha provocato il naturale ricambio generazionale. Chi è andato in pensione non è stato sostituito ed i contratti a tempo determinato non sono stati rinnovati.
"Una tendenza destinata a prolungarsi non si sa per quanto tempo, aggravata dalla scure dei licenziamenti che si abbatterà con ogni probabilità anche sulle posizioni a tempo determinato a partire dalla metà di maggio” - sostiene la presidente Cna Arezzo..

Tra gli investimenti la sicurezza è indicata dal 75% delle imprese e supera l’80% tra i servizi alla persona, che spingono sulla riapertura anticipata per non rischiare la chiusura.

C’è poi un tema in primo piano che preoccupa non poco Cna: la responsabilità degli imprenditori nel caso un dipendente contragga il Coronavirus.

"Nessuno può essere chiamato a rispondere di un rischio di salute del quale non può controllare la fonte.  In questa fase - sottolinea Franca Binazzi - stiamo sostenendo gli imprenditori nelle iniziative mirate a garantire la salute, con l’applicazione ed il rispetto dei Protocolli condivisi di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento del virus Covid-19. Ma solo un intervento legislativo potrebbe consentire alle imprese di lavorare nel rispetto delle regole e senza temere un’attribuzione di responsabilità non dovuta”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al secondo turno delle elezioni amministrative il sindaco uscente è stato rieletto con il 60,65% dei voti. Vignini si ferma al 39,35%
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Politica