Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO9°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 26 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte contestato al presidio degli studenti in piazza a Roma: «Quando eri al governo, ci hanno manganellato»

Attualità mercoledì 14 dicembre 2022 ore 17:55

Olive, nelle campagne aretine il 40% non raccolte

L'allarme dall'Associazione Frantoiani "non si trova più personale". Il rischio coinvolge tutto l'indotto come anche il paesaggio



AREZZO — “Quest'anno il 40% delle olive rimarrà sugli alberi e in futuro le cose potrebbero andare anche peggio”. Questo l'allarme  lanciato da Giovan Battista Donati, presidente dell'Associazione Frantoiani di Confartigianato.

“Basta guardarsi in giro per capire come buona parte delle piante siano ancora cariche di olive - aggiunge. - Il problema è che non si trova più personale per la raccolta, gli agricoltori e le famiglie ce la mettono tutta, ma arrivati ad un certo punto non ci sono più le risorse umane disponibili”.

A rischio è ovviamente tutto il mondo dell'indotto, l'olio extra vergine di oliva toscano è uno dei prodotti più riconosciuti nel mondo e negli anni è cresciuta un'economia attorno al brand.

“Oggi i tempi sono cambiati, non c'è il ricambio generazionale, i costi per la raccolta nelle zone collinari sono troppo alti per poi rivendere l'olio al prezzo fissato dal mercato” dice ancora Donati.

Se non è più conveniente, specialmente nelle colline più impervie, le olive rimangono sui rami fino a quando non ci penserà l'alternarsi delle stagioni a farle cadere. “C'è un altro problema, forse il più importante, se gli oliveti vengono abbandonati, prima o poi saranno mangiati dal bosco. A farne le spese sarà il paesaggio e non solo” prosegue Donati.

Una diminuzione della raccolta che va a danno anche dei frantoi che negli ultimi anni hanno effettuato numerosi investimenti. “I nostri impianti – termina – eseguono dei processi circolari. Nulla viene buttato via, dall'oliva si estrae l'olio, il nocciolo viene venduto come combustibile per il riscaldamento domestico, la buccia e i filamenti vengono conferiti ai bio digestori per produrre metano. Negli anni abbiamo fatto tanto per ottenere un prodotto di grandissima qualità, per migliorare i processi, sarebbe un peccato interrompere questo cammino virtuoso che finora ci ha contraddistinto in tutto il mondo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per recuperare il centauro, oltre al 118 si sono mobilitati anche vigili del fuoco e soccorso alpino. Poi il volo in ospedale con Pegaso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità