QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 13°22° 
Domani 13°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 31 maggio 2016

Attualità venerdì 11 marzo 2016 ore 18:10

Un territorio unito per valorizzare la chianina

Sindaco di Cortona Basanieri
Foto di: Comune Cortona

Con la firma del protocollo tra Cortona e Sinalunga, avanzano i percorsi di tutela e valorizzazione delle filiere agroalimentari di eccellenza

CORTONA — Con l'iniziativa che si è tenuta presso il Centro Convegni S.Agostino di Cortona, il percorso di tutela e valorizzazione della razza chianina ha compiuto dei decisivi passi in avanti. Grazie alla firma del protocollo d'intesa tra Comune di Cortona e Comune di Sinalunga, infatti, è stato avviato un percorso per lo sviluppo della Valdichiana, attraverso le filiere agroalimentari di eccellenza.

Grande soddisfazione da parte del Sindaco di Cortona, Francesca Basanieri, che ha aperto i percorsi di valorizzazione dell'intera Valdichiana, e da parte del Sindaco di Sinalunga, Riccardo Agnoletti, che intende proporre il protocollo a tutti i comuni che vanno da Chiusi alla Chiusa de'Monaci, seguendo il corso dell'antico fiume Clanis, per restituire un valore culturale e un legame sempre più stretto tra la carne chianina e il suo territorio di origine.

Il protocollo prevede l'impegno reciproco alla promozione territoriale e dei prodotti tipici, che fa seguito al protocollo siglato con l'Associazione Amici della Chianina, rappresentata al convegno dal Presidente Giovanni Corti. Un impegno che avvia una collaborazione sempre più stretta tra i comuni della Valdichiana, superando la divisione tra provincia senese e provincia aretina, ribadita da tutti i rappresentanti istituzionali intervenuti.

Al convegno hanno partecipato rappresentanti delle aziende agricole e zootecniche, che hanno illustrato le difficoltà del settore e le prospettive di crescita: Federico Vecchioni delle Bonifiche Ferraresi, Enrico Lagorio della Tenuta la Fratta, Azienda Agricola Massimo Chianucci. La necessità espressa dal mondo delle imprese è stata chiara: garantire i controlli della filiera agroalimentare di eccellenza non solo negli allevamenti, ma anche nei ristoranti e nei commercianti, che a volte si fregiano del marchio senza offrire il vero prodotto. La speranza è quella di costruire un distretto o una filiera senza eguali in Italia per promuovere il marchio di qualità, in cui la carne chianina sia accompagnata dal valore alimentare, culturale e artistico dell'intero territorio della Valdichiana.

Oltre ai già citati, tra gli interventi istituzionali si sono succeduti al convegno il Presidente della Provincia di Arezzo Roberto Vasai, la Vice Presidente del Consiglio Regionale Lucia De Robertis, il Presidente Commissione Sanità della Regione Toscana Stefano Scaramelli, il Vice Presidente ANCI Toscana Sergio Chienni, il referente Agricoltura ANCI Toscana Patrizio Mungai, l'on. Francesco Prina della Commissione agricoltura alla Camera, il Direttore Agricoltura e Sviluppo Rurale della Regione Toscana Roberto Scalacci, la dott.ssa Clara Sargentini della Facoltà Scienze Agrarie dell'Università di Firenze, il Direttore Associazione Regionale Allevatori Claudio Massaro, e l'assessore all'Agricoltura del Comune di Cortona Albano Ricci.

Il convegno, che ha visto la partecipazione anche degli studenti dell'istituto agrario "A.Vegni", ha lasciato i partecipanti con una promessa: l'installazione di un monumento alla razza chianina all'uscita dell'autostrada A1 al casello di Bettolle "Valdichiana", in modo da definire con chiarezza un elemento caratterizzante dal punto di vista identitario.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità