QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 10°15° 
Domani 18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 20 settembre 2017

Attualità venerdì 01 settembre 2017 ore 09:56

'Serve collaborazione per salvare la Quercia'

Il Circolo Legambiente Terra e Pace interviene sulla vinceda in corso della Quercia delle Checche e pone delle riflessioni sulle prospettive di vita

PIENZA — Nel frattempo sono arrivati i risultati delle analisi disposte dal Comune per capire da cosa sia scaturita la rottura della grande branca, e sembra proprio che il responsabile del cedimento sia il fulmine che i primi di agosto ha colpito la grande matriarca della Valdorcia.

"La perdita di una branca così importante accentua lo squilibrio che si era già creato, per responsabilità umane, e aumenta la fragilità generale della pianta. Questo può innestare un percorso di degrado veloce e definitivo" - dice il circolo Legambiente della Valdichiana.

"Esistono già studi precisi e piani di intervento, in particolare l'ultimo elaborato dopo il collasso (l'autopotatura) della seconda branca. Questi contributi scientifici sono stati ignorati per troppo tempo, a parte pochi interventi secondari ed alcuni encomiabili tentativi di ridurre il danno prodotto dall'eccezionale siccità".

Legambiente spiega dunque è indispensabile intervenire al più presto con le risorse e gli strumenti necessari. 

"Da tempo la condizione specifica della Quercia era a conoscenza dei cittadini e delle istituzioni. Alla base di quanto accaduto c'è una insufficiente, a volte inesistente, comunicazione e collaborazione tra associazioni ambientaliste, comitati sul territorio e istituzioni locali, che sono gli attori indispensabili per monitorare le condizioni del territorio, programmare e gestire gli interventi, purché operino in un clima sereno e di reciproca fiducia".

"Quanto sopra è, a nostro parere, uno degli effetti del distacco della politica, e a volte anche delle amministrazioni, dalla gente e dalla terra di cui si occupa. Quindi, anche in questa circostanza, invece di ripartire subito dalla condivisione e dall'impegno comune, si è preferito dare il via al balletto delle carte bollate. Questo potrà servire a stabilire eventuali responsabilità (o a scaricarle l'uno sull'altro, probabilmente senza alcun esito finale) ma certamente non servirà a cambiare marcia sulle politiche ambientali e ancor meno ad unire le forze locali per il benessere del territorio".

Poi Legambiente riferendosi alla politica dice: "Alla politica che da qualche giorno interviene preoccupata sulla vicenda vorremmo dire che bisognerebbe riuscire, anche se non è sempre facile, ad intervenire prima che i disastri, piccoli o grandi, si verifichino. Tale aspetto appare sempre più evidente a tutti, dal piano nazionale a quello locale. Una seconda osservazione che ci sentiamo di fare è che comunità come le nostre, conosciute a livello internazionale, con molti strumenti normativi e organizzativi di intervento, debbano poter tutelare il proprio ambiente e il proprio patrimonio naturale senza che enti superiori, regionali o nazionali, debbano assumersene la responsabilità. A tal proposito il coinvolgimento del Ministero della Difesa, permetteteci, ci sembra davvero una esagerazione".

Infine conclude: "Concludiamo con la proposta precisa che l'Unione dei Comuni della Valdichiana Senese attivi al più presto un tavolo con le associazioni ambientaliste, i comitati locali di difesa dell'ambiente ed i Comuni, al fine di costruire politiche ambientali omogenee, collegate a tutte le vocazioni economiche e culturali dell'intero territorio e riconoscendo come un dovere la collaborazione tra le istituzioni e le espressioni delle comunità locali.

Legambiente Valdichiana “Terra e Pace” si dice assolutamente disponibile a partecipare a questo percorso e si mette, da subito, a completa disposizione dell'Unione dei Comuni della Valdichiana Senese.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità