QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 18° 
Domani 10°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 25 aprile 2017

Cronaca giovedì 09 febbraio 2017 ore 15:10

‘Suo figlio ha avuto un incidente’, truffa evitata

I carabinieri di Montalcino hanno sventato una truffa, con il solito metodo del finto incidente al figlio, a carico di anziani; fermati due napoletani

MONTALCINO — I militari di Montalcino hanno denunciato un 20enne e la sua ragazza 17enne, napoletani, per tentate truffe agli anziani.

I due sono stati fermati a Torrenieri perchè riconosciuti da una coppia di anziani, che proprio pochi minuti prima erano stati avvicinati presso la loro abitazione e con raggiri i due ragazzi avevano tentato di sottrarre loro denaro che sarebbe servito ad evitare ad un presuto arresto del figlio.

Il giovane napoletano ha raccontato agli anziani di essere un avvocato dei carabinieri, giunto per riscuotere denaro utile ad evitare l’arresto del figlio trattenuto in caserma per un incidente stradale.

La tecnica utilizzata è quella classica: telefonata a casa dell’anziana spacciandosi per carabinieri e riferendo che il figlio era stato coinvolto in un grave incidente stradale e che per non farlo arrestare, doveva aprire la porta ad un avvocato, e consegnargli 6500 euro e tutti i gioielli che aveva in casa.

L’anziana donna, nell'ascoltare queste parole, si è consigliata con suo marito e subito tramite 112 ha contattato i carabinieri, che sono intervenuti prontamente nella zona, fermando i due malfattori prima che la truffa si concretizzasse.

La collaborazione degli anziani e la prontezza operativa dei militari ha permesso di sventare la truffa e nei confronti dei due napoletani è scattata la denuncia. Attualmente sono in corso ulteriori accertamenti per verificare se i due fermati si siano resi autori di altre truffe simili in zona.

I carabinieri continuano a tenere viva l’attenzione sensibilizzando le potenziali vittime, alle quali si raccomanda di non farsi avvicinare da persone sconosciute anche se si presentano come appartenenti alle Forze dell’Ordine, a meno che, nelle vicinanze, non ci sia una macchina con i classici colori di istituto e con le tipiche scritte. Inoltre i carabinieri ricordano che nessun agente è autorizzato a chiedere il pagamento di nulla per nessun motivo.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca