QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 11°12° 
Domani 12°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 11 dicembre 2017

Attualità mercoledì 19 aprile 2017 ore 12:03

Venti anni di Live Rock Festival in un libro

20 anni di Live Rock Festival raccontati in un libro con testimonianze, illustrazioni di Danijel Zèzèlj, contenuti di Francesco Bianconi dei Baustelle

MONTEPULCIANO — Venti anni di memorie e immagini, ironie e aneddoti, sono raccolti nel volume “XX - Venti anni di Live Rock Festival”, edito da Collettivo Piranha. Il libro è arricchito dalle illustrazioni originali realizzate appositamente dall’artista Danijel Zèzèlj che dal 1999 firma i manifesti della manifestazione. Tra i contributi più significativi, ci sono due testi legati ai Baustelle: uno è firmato direttamente dal leader Francesco Bianconi che definisce gli organizzatori del festival come “eroici illuminati”, l’altro è il colloquio con Rachele Bastreghi, nata e cresciuta proprio nel piccolo centro di Acquaviva

Il progetto editoriale è stato realizzato collettivamente dai volontari che lavorano al festival, divenuto ormai il più influente d’Italia tra quelli ad ingresso gratuito. Si tratta quindi di una pubblicazione corale dove le esperienze più intime dei singoli sono accostate alla visione sociale e culturale di un progetto tanto ambizioso per un territorio di provincia.

Il volume si articola su quattro sezioni: la prima delinea il contesto sociale e culturale dell’ambito tosco-umbro, dagli anni Novanta, quando prese vita il Live Rock Festival, ad oggi; risultano preziose le interviste ai sindaci di Montepulciano che hanno talvolta tollerato e talvolta incoraggiato l’evento. La seconda parte è incentrata sulle iniziative solidali e ambientali legate al festival, a partire dalla solida relazione con Legambiente; ma sono qui presenti anche elementi di creatività, inerenti principalmente alla comunicazione caratterizzata dal segno riconoscibile di Zèzèlj.

Il Live Rock Festival, per sua natura, valorizza una rassegna musicale autorevole anche per il profilo internazionale, coniugandola con la qualità della proposta enogastronomica e con l’artigianato della produzione: tutto quel che succede davvero dietro alle quinte organizzative è svelato nella sezione “Venti anni di musica e lavoro”, dove sono descritte le attività di ogni settore gestionale.

C’è poi “L’almanacco del festival”: anno per anno, si susseguono tutti gli avvenimenti, le foto, le curiosità e le locandine di ognuna delle venti edizioni di Live Rock Festival, dal 1997 al 2016. Tra i momenti più singolari, la performance del 99 Posse che nel 2000 rimediarono sul palco di Acquaviva una querela per vilipendio delle forze dell’ordine.

Per presentare il libro, sarà allestito un evento, ad ingresso gratuito, al Teatro dei Concordi di Acquaviva sabato 22 aprile 2017. Alle 18.00 è in programma la discussione sul volume, impreziosita dalla proiezione di videointerviste. Alle 20.00 l’aperitivo musicale con degustazione dei prodotti a km zero che contraddistinguono il Live Rock Festival. E poi toccherà alla musica live: per una ricorrenza così significativa, sarà sul palco Sandro Joyeux, l’artista che interpreta i suoni di tutti i sud del mondo, già protagonista al festival nel 2015: con la voce e la chitarra e le influenze reggae canta il sogno di una musica che abbatta le barriere e i muri tra le culture e tra gli esseri umani. La festa conclusiva è affidata al djset di F.Looppy Yo.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Politica