QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 19°29° 
Domani 19°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 26 giugno 2017

Attualità martedì 18 aprile 2017 ore 11:34

Rientri di Pasqua da bollino nero

Disagi con code e rallentamenti ai caselli della rete autostradale per lo sciopero nazionale indetto da Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Sla

VALDICHIANA — Lo sciopero è scattato dalle 22 di ieri, lunedì 17 aprile, e andrà avanti fino alle 22 di martedì 18 aprile per la protesta indetta dalle rappresentanze sindacali. L’agitazione riguarda anche le quattro società che operano in Toscana Sat, Salt, Cisa e Aspi. La vertenza si incentra sul presidio fisico 24 ore su 24 di tutti i caselli autostradali. In provincia di Arezzo possibili manifestazioni all’uscita di Arezzo-Battifolle, Valdarno e nelle limitrofe Incisa e Valdichiana.

Autostrade per l’Italia informa che durante lo sciopero i varchi con pagamento solo manuale potranno essere chiusi per l’assenza degli esattori mentre rimarranno regolarmente aperti i varchi con cassa automatica e quelli riservati ai clienti Telepass. Saranno comunque garantiti i servizi di assistenza al cliente, con la presenza di personale della Viabilità di Autostrade per l’Italia e il funzionamento degli impianti per il pagamento del pedaggio che, si ricorda, è dovuto per legge.

“Le sigle - dichiarano - che tale presidio deve avvenire ma alcune società autostradali non lo assicurano in alcuni caselli. Durante l’incontro avvenuto con le parti il 28 marzo scorso il ministero dei Trasporti ha affermato che vige l’obbligo del presidio fisico 24 ore su 24 per garantire la sicurezza. Ma la partita è più ampia e riguarda anche il nodo delle concessioni autostradali, alcune delle quali sono scadute e altre vicino alla scadenza"

Secondo i sindacati questo stato di incertezza nuoce all’occupazione del settore ma anche alla qualità del pubblico servizio. Un altro fenomeno che preoccupa i lavoratori è il processo di accorpamento delle concessioni autostradali e delle sedi fisiche delle autostrade, che può causare tagli all’occupazione.

“Qualsiasi disservizio e limitazione della circolazione nel corso dello sciopero dipendono dalle scelte di concentrazione del traffico sul solo automatismo da parte dei concessionari, e questo non può essere addebitato ai lavoratori ed al sindacato” - precisano le sigle.

Inevitabili saranno le ripercussioni sul traffico vista la giornata di rientri dalle vacanze pasquali. Già nella serata di ieri la polizia stradale ha segnalato code e rallentamenti su tutto il tratto autostradale toscano dell'A/1.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità