QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 20°31° 
Domani 19°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 29 giugno 2016

Attualità sabato 30 gennaio 2016 ore 16:28

Media Etruria, l’Av solo su linee già esistenti

Tramonta l'ipotesi che la stazione Media Etruria Alta velocità possa essere collocata in Umbria, torna in ballo la collocazione Valdichiana-Farneta

VALDICHIANA — Il sottosegretario alle Infrastrutture Umberto Del Basso De Caro, replicando a un'interrogazione della deputata di Scelta civica Adriana Galgano, ha chiarito che non ci potranno essere deviazioni di percorso dei Frecciarossa e dei Frecciargento che quotidianamente uniscono nord e sud del Paese.

"La linea Firenze-Roma essendo la più vicina linea Alta velocità all'Umbria, per collegare questa regione alla rete Av non si intravede altra soluzione se non quella di individuare una stazione lungo la medesima linea e che disti circa 50 chilometri, le soluzioni potrebbero essere Valdichiana-Farneta".

In questa maniera verrebbero mantenuti i tempi di percorrenza ragionevolmente celeri per portare i passeggeri verso la capitale, che peraltro fanno propendere per la creazione di una stazione ex novo. "Innanzitutto – ha ricordato De Caro - nell'ipotesi di sfruttare le attuali stazioni con l'utilizzo delle interconnessioni presenti, si registrerebbe un allungamento del tempo di percorrenza di 11 minuti per Arezzo e 13 minuti per Chiusi. Invece, per quanto concerne l'utilizzo di una nuova infrastruttura, le analisi svolte hanno evidenziato un perditempo di 5.5 minuti per una sosta di due minuti come nel caso della stazione Mediopadana".

Da tenere in considerazione anche le variabili dei costi e il numero dei passeggeri: una nuova stazione costerebbe 40 milioni di euro, appoggiarsi su una esistenze implicherebbe un esborso contenuto fra i due e i quattro milioni. Sul fronte dei viaggiatori serviti, uno studio proprio della Regione Umbria sulle cinque soluzioni tecniche sulle quali e' in corso una valutazione, De Caro ha evidenziato che nel caso di Arezzo ne beneficerebbero potenzialmente 2,6 milioni di persone, si arriverebbe a circa 3 milioni con la stazione a Rigutino, a 2,65 in Valdichiana e a 2,4 milioni nella fermata attuale di Chiusi.

La Galgano, da parte sua, ha invitato il Governo a non sopravvalutare le stime di traffico analogamente a quanto accaduto per la Mediopadana. Altresi', ha chiesto di focalizzare l'attenzione sulla difficile connessione che avvolge il territorio regionale, immerso ancora nella crisi e tagliato fuori da unioni rapide con Roma (tre ore di percorrenza per arrivarci da Perugia) e con Milano (in questo caso il viaggio dura cinque ore).

De Caro ha concluso che ogni valutazione del Governo potrà avvenire quando sarà definito uno stadio più avanzato degli approfondimenti in corso.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Sport

Cronaca