QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 19°19° 
Domani 16°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 31 agosto 2016

Attualità mercoledì 09 marzo 2016 ore 16:00

Il futuro della sanità nell'area sud-est

Il direttore generale Usl Toscana Sud Est Desideri ha incontrato i sindaci della zona Valdichiana Senese e ha illustrato lo stato gli investimenti

VALDICHIANA — "La nuova idea di sanità, parte dalle reti cliniche integrate fra ospedale e territorio” in estrema sintesi, è questo il modello descritto da Enrico Desideri nel suo intervento da direttore generale della Usl Toscana Sud Est, durante la conferenza dei sindaci della Valdichiana Senese.

Dalla conferenza è emerso che nei dieci comuni della zona Valdichiana senese il tasso di natalità è inferiore sia al valore regionale che dell'area Sud Est e per il 17% dei nati sono bambini stranieri. L’indice di vecchiaia è alto, vale a dire si vive di più e meglio. Si muore di più per infarto e malattie cardiocircolatorie. Fanno statistica anche le malattie croniche quali il diabete, la BPCO, l'ipertensione e l'ictus perché in leggero aumento negli anni.

I lavoro dei medici di famiglia, aggregati in due AFT, sta cominciando a dare risultati con la presa in carico secondo il modello di gestione delle patologie croniche (Chronic Care Model) che trasforma il paziente in un attore proattivo del proprio percorso assistenziale, in particolare proprio per le cardiopatie, i problemi circolatori, il diabete e la BPCO.

“Il ruolo centrale dei medici di famiglia, oggi aggregati in AFT – ha spiegato Desideri - il cittadino può trovare sia nel modello della casa della salute che nella centralità dell’ospedale territoriale, specialisti di riferimento in raccordo operativo con gli stessi medici di famiglia per la presa in carico del suo problema di salute, la definizione di un percorso clinico appropriato e soprattutto un percorso diagnostico facilitato. A questo, ben presto, aggiungeremo la prenotazione diretta delle prestazioni da parte degli stessi professionisti”.

Una risposta al problema delle liste di attesa la cui risoluzione è a cuore al presidente della conferenza dei sindaci della Valdichiana Senese, Andrtea Rossi, che ha voluto precisare di mantenere le eccellenze che l’ospedale di Nottola esprime, ringraziando i dipendenti che hanno permesso a questo presidio di essere efficiente anche in situazioni di organico ridotto.

Per Nottola poi è previsto l’ampliamento del pronto soccorso, per gli spazi di attesa e la creazione del percorso pediatrico, per oltre due milioni di euro.

“Per la zona Valdichiana è anche importante - ha precisato Andrea Rossi - riuscire a redigere un patto territoriale nuovo che tenga conto anche delle esigenze politiche dei comuni della Valdichiana e Amiata, in vista della fusione tra le due zone distretto. Un altro obiettivo strategico – ha concluso Rossi - resta l’ampliamento del modulo di ospedale di comunità, in modo da evitare i ricoveri impropri in medicina”.

Sul sociale poi la Valdichiana senese è un esempio. In particolare il progetto di assistenza alla disabilità ha investito molto per realizzare percorsi integrati, dall'integrazione scolastica e lavorativa, alle soluzioni abitative residenziali e percorsi di avviamento all'autonomia abitativa e di vita delle persone disabili.

Tra gli altri investimenti da fare, è in previsione la realizzazione della seconda casa della salute nel presidio di Sinalunga, il luogo in cui le cure primarie riescono ad integrarsi anche con altre professionalità.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

Attualità