QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 13° 
Domani 19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 23 aprile 2017

Attualità martedì 27 settembre 2016 ore 15:10

Una sala di Palazzo Panciatichi per Calamandrei

L'intitolazione della stanza dell'ufficio di presidenza regionale si è tenuta nel sessantesimo dalla morte del padre costituente. Presente la nipote

FIRENZE — Giurista attento, padre costituente carismatico. E' a Piero Calamandrei che, sulle note dell'inno di Mameli, il consiglio regionale ha intitolato la sala in cui si riunisce l'ufficio di presidenza. La cerimonia si è tenuta a Palazzo Panciatichi il 27 settembre, a sessant'anni esatti dalla morte politico toscano, alla presenza del presidente del consiglio regionale Eugenio Giani, dello storico Zeffiro Ciuffoletti e della nipote di Calamandrei, Silvia.

"Calamandrei – rileva Giani – fu un grande regionalista. Nei suoi interventi, in particolare in quello pronunciato il 28 luglio 1948, si coglie la grande fiducia nelle Regioni. Proprio a lui si attribuisce il concetto di ‘Stato regionale’ come forma intermedia fra uno Stato accentrato e uno stato federale".

Indubbio il ruolo di Calamandrei nell'assemblea costituente e nella redazione dei primi articoli, ma anche l'attualità del suo pensiero: "Proprio lui - ha spiegato Ciuffoletti - difendeva e al tempo stesso alimentava la critica seria e rispettosa della Costituzione, considerata una Carta da tenere al passo coi tempi".

Contenta dell'intitolazione anche la nipote Silvia che ha parlato di una iniziativa tra le più rilevanti tra quelle celebrate in Italia nella ricorrenza dei sessant’anni dalla morte del nonno.

Ogni anno, il 27 settembre, sarà il giorno dell’assegnazione di borse di studio in facoltà giuridiche nel nome di Piero Calamandrei e di un premio a un libro sui temi della Costituente.

Servizio di Serena Margheri
Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità