QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 13° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
venerdì 17 novembre 2017

Attualità giovedì 09 novembre 2017 ore 18:49

Un fondo da 200 milioni di euro contro la siccità

La giunta regionale ha messo a punto una proposta di legge per istituire il fondo presso l'Autorità Idrica Toscana e finanziare le opere prioritarie

FIRENZE — Un fondo presso l'Autorità Idrica Toscana per finanziare le opere antisiccità nelle zone dove le risorse sono scarse o dove ancora si registrano problemi.  E' quanto prevede la proposta di legge approvata oggi dalla giunta regionale.

Nella legge si stabilisce di costituire un fondo da 200 milioni presso l'Autorità Idrica Toscana, che sarà alimentato principalmente con i proventi della tariffa per il servizio idrico. Dal fondo  si attingerà per finanziare le opere strategiche  necessarie per assicurare approvvigionamento idrico in un futuro che sarà sempre più coinvolto dai cambiamenti climatici. 

Ad oggi i sette gestori del servizio idrico integrato gestiscono autonomamente i proventi delle tariffe che riscuotono ed individuano le opere da realizzare all'interno del proprio ambito.

"L'intento è di alimentare il fondo ogni anno per 20 anni con 10 milioni di euro - ha spiega to il presidente Enrico Rossi – Lo faremo tramite una componente tariffaria che rappresenterà una quota di tutte le tariffe praticate in Toscana, senza aumentarle. La pagheranno tutti i cittadini toscani proprio perché servirà a finanziare opere che hanno valenza regionale, e che quindi interessano tutti. Allo stesso tempo le opere verranno realizzate sotto la regia dell'Autorità Idrica Toscana".

Le opere strategiche regionali da realizzare:

- completamento del primo dissalatore dell'Isola d'Elba e delle relative condotte

- Autostrada dell'acqua apuo-versiliese, con la realizzazione di una infrastruttura idrica che consenta l'approvvigionamento idrico dalle montagne apuane fino a Viareggio, con ipotesi di prolungare successivamente il tratto fino a Livorno

- Invaso di Pian di Goro, con collegamenti che consentano una costante disponibilità di risorsa idrica per l'alta e la bassa Val di Cecina (in particolare nella zona di Volterra e Pomarance) particolarmente colpita dalle situazioni di siccità degli ultimi anni

- Completamento dei collegamenti dall'invaso di Montedoglio alla Val di Chiana senese ed aretina, per risolvere i problemi legati alle situazioni di siccità e scarsità della risorsa idrica locale

- Un intervento in Maremma (da individuare in maniera più dettagliata in una fase successiva) per incrementare la dotazione idrica nelle zone dell'alta Maremma (in particolare nella zona di Follonica)

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Spettacoli

Cronaca