QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 23°32° 
Domani 22°35° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 25 giugno 2016

Cultura domenica 21 febbraio 2016 ore 12:01

Il Borgo dei libri "Al centro dell'Italia"

Simona Giovagnola, sindaco Grazi, Mario De Gregorio e l'assessore Tiezzi

Il Borgo dei libri si è presentato a Roma nell’ambito del progetto “Al centro dell'Italia, al centro del pensiero” che unisce quattro festival

TORRITA DI SIENA — Un progetto mirato allo sviluppo della cultura nelle quattro regioni dell'Italia centrale: Toscana, Umbria, Marche, Lazio, ricche di storia, arte, bellezze paesaggistiche ed enogastronomiche.

Oltre 300 eventi si distribuiranno tra aprile e settembre 2016, in queste terre; centinaia di ospiti illustri del mondo della letteratura, del cinema, della scienza, della filosofia, della musica e dello spettacolo: una grande offerta culturale che mette in movimento il centro del Paese.

Il progetto "Al centro dell'Itali, al centro del pensiero" si è presentato a Roma lo scorso 18 febbraio e a rappresentare il Borgo dei libri di Torrita il sindaco Grazi, l'assessore alla cultura Paolo Tiezzi, il presidente della biblioteca comunale degli Oscuri Mario De Gregorio e la neo presidente della Fondazione Torrita Cultura Simona Giovagnola.

Insieme a loro Gino Troli direttore artistico del Futura Festival di Civitanova Marche, Pierluigi Mingarelli direttore artistico della Festa di Scienza e Filosofia – Virtute e Canoscenza di Foligno, Massimo Arcangeli direttore del festival La parola che non muore di Civita di Bagnoregio Giancarlo Liviano d'Arcangel co-direttore del festival La parola che non muore di Civita di Bagnoregio, Filippo La Porta critico letterario, il quale ha annunciato la possibilità di un dialogo con Fernando Savater alla prossima edizione del Futura Festival e Giorgio Colangeli regista ed attore, che porta nei festival la sua versione a memoria della Divina Commedia di Dante.

I relatori hanno evidenziato l'importanza culturale del gemellaggio dei quattro festival del Centro Italia sottolineando che tale progetto nasce all'insegna della cultura in cammino e di una condivisione reale che prevede uno sviluppo comune di eventi, e la pratica condivisa di itinerari, ospiti e laboratori didattici per i giovani. L'idea di fondo è il desiderio che i saperi parlino fra loro, per favorire una cultura del dialogo capace di contrastare le logiche corporative imperanti.

“Inutile sottolineare l'importanza che ha avuto ed ha, per Torrita sedere al tavolo del Festival della Cultura in rappresentanza della Toscana - ha sottolineato Simona Giovagnola, presidente della Fondazione Torrita Cultura - pur essendo molto più giovane rispetto agli altri festival, che vantano ormai decenni di edizioni, il nostro "Borgo dei Libri" ha riscosso un notevole successo tra i presenti, i quali sono rimasti colpiti non soltanto dal denso programma che prevede eventi singolari come ad esempio la "Maratona di Letteratura", ma anche dal connubio tra cultura ed enogastronomia che è poi la vera novità di questa edizione”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cultura

Attualità