QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 18°28° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 24 luglio 2016

Attualità mercoledì 30 marzo 2016 ore 11:39

Emergenza abitativa, Casaggì torna sul problema

Casaggì Valdichiana torna a farsi sentire sul problema abitativo e porta alla luce la situazione di una mamma e del suo bambino di 6 anni

SINALUNGA — “Più volte i nostri militanti si sono occupati in prima persona di famiglie che rischiavano di restare senza un tetto sulla testa. Questa volta la situazione riguarda una mamma e il suo bimbo di 6 anni di Sinalunga” – segnala Casaggì Valdichiana.

“La loro storia – raccontano i militanti - inizia qualche anno fa quando abitavano in un appartamento che poi hanno dovuto lasciare perché lo stabile è stato riconosciuto come inagibile. Subito dopo hanno trovato una casa, dove abitano attualmente, che però il proprietario ha deciso di venderla. Il loro unico reddito sono 100 euro mensili di assegno di sussistenza, il bimbo va a scuola e la mamma deve pagare 40 euro mensili per la mensa scolastica” .

“La signora – continua spiegare Casaggì - ha più volte parlato con Sindaco e uffici competenti che però gli hanno puntualmente risposto di non avere alloggi disponibili e che eventualmente potevano contribuire anticipando delle mensilità per un affitto, che chiaramente non si possono permettere. Dal nostro punto di vista è una situazione paradossale, è assurdo come in un comune come quello di Sinalunga ci possa essere una madre e suo figlio che rischiano di ritrovarsi da un giorno all' un altro senza un posto dove dormire. Le liste per le case popolari sono spesso occupate da cittadini extracomunitari che magari sono da pochissimi anni sul territorio comunale, mentre capita che famiglie italiane si ritrovino in queste situazioni”.

Casaggì fa sapere: “Anche questa volta abbiamo deciso di metterci in prima linea per una buona causa e supportare questa famiglia al meglio delle nostre possibilità. Sollecitiamo le autorità ad attivarsi e trovare una soluzione a questa situazione. Chiediamo anche uno sforzo da parte dei sinalunghesi e se ci fosse qualcuno disposto a dare una mano può contattare il nostro il numero 344 110 5766”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità