QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 19°34° 
Domani 18°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 30 luglio 2016

Attualità giovedì 07 gennaio 2016 ore 11:59

Calza della Befana da CasaPoud per il Comune

Nuovo blitz nella notte della Befana di Casa Poud, uno striscione è apparso in piazza del Comune con un testo che non ha lasciato spazio a dubbi

CORTONA — “Ad una scuola lo sfratto, dalla discarica veleni, le scale mobili: un bidone. Per la giunta carbone”, dunque niente dolci per gli amministratori ma solo carbone, è questo il testo che è apparso sullo striscione issato in piazza del Comune dai militanti di CasaPoud nella notte della Befana.

In seguito all’azione è intervenuto Alessandro Pallini, responsabile di CasaPound Cortona, che ha dichiarato: "Bene ha fatto la Befana a portare carbone al comune cortonese. Con lo striscione, sono state riassunte in pieno le problematiche della nostra giunta. La paradossale situazione della scuola di Fratta e lo sfratto sopraggiunto, il percolato fuoriuscente dalla discarica dismessa di Pietraia, le scale mobili che dovrebbero portare gente, turisti, visitatori, residenti, in centro storico da quella landa lunare desolata e deserta che è il parcheggio dello Spirito Santo, ma che invece non portano proprio nessuno perché non funzionano praticamente mai.”

Pallini poi prosegue dicendo: “Questi sono i tre temi che riteniamo principali dell'ormai trascorso 2015 ed a questi se ne potrebbero aggiungere una miriade di piccolo o grande interesse, tutti però unibili sotto un medesimo comune denominatore: l'atteggiamento di superiorità, quello sguardo di compatimento, che l'amministrazione riserva a chi solleva problematiche. Poi dopo si stupiscono pure se arrivano le mazzate, come lo sfratto ad esempio, o le rilevazioni Arpat che, definendo percolato quei liquami alla Pietraia, confermano ciò che tutti da anni temevano. Altre forze politiche chiedono ad ogni piè sospinto le vostre dimissioni, anche per questioni burocratiche come la raccolta firme.”

“Noi chiediamo invece – conclude Pallini - che dovreste risolvere queste ed altre problematiche che sono rimaste in sospeso. Poi alle prossime regolari elezioni ci auguriamo che veniate spazzati via dalla buona memoria dei cortonesi che, facendo buon viso a cattiva sorte, non dimenticherannoo certo l'arroganza e la tracotante ostentazione di sicumera che avete usato per governare il territorio ininterrottamente da 70 anni a questa parte. Arriveremo a scardinare il sistema di potere che vi siete costruiti, andiamo avanti a passi pesanti e lenti, come la nostra tartaruga. Questa è una promessa."

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità