QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 17°32° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
venerdì 21 luglio 2017

Attualità sabato 13 maggio 2017 ore 18:50

'Shadow Economy: un danno per le imprese'

Foto di: immagine di repertorio

Federalberghi presenta i dati relativi alla settimana di Pasqua in Valdichiana sugli affitti turistici per metterne in luce tutte le criticità

CHIANCIANO TERME — I dati diffusi da Federalberghi sugli affitti turistici mettono in luce le criticità rappresentate dalla “shadow economy” anche per il territorio della Valdichiana. 

In una situazione del genere, i consumatori vengono ingannati due volte: viene tradita la promessa di vivere un’esperienza autentica e vengono eluse le norme poste a tutela del cliente, dei lavoratori, della collettività e del mercato. I danni causati dalle forme di economia sommersa non danneggiano soltanto le imprese turistiche tradizionali, ma anche coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza.

Considerando la settimana di Pasqua di Aprile 2017, Federalberghi e Incipit srl hanno realizzato un’elaborazione dati sulla base di Inside AirBnB e se ne evince che in tutta la Valdichiana senese risultavano disponibili 721 alloggi di cui:

  • 511 (pari a 70,87% del totale) riferiti a interi appartamenti;
  • 596 (pari a 82,66% del totale) disponibili per più di sei mesi;
  • 449 (pari a 62,27% del totale) gestiti da host che mettono in vendita più di un alloggio.

Da questi dati, Federalberghi denuncia le quattro grandi bugie della cosiddetta sharing economy: "non è vero che il turista condivide l’esperienza con il titolare: la maggior parte degli annunci pubblicati si riferisce all’affitto di interi appartamenti vuoti; non è vero che si tratta di attività occasionali: la maggior parte degli appartamenti risultano disponibili per oltre sei mesi all’anno; non è vero che siamo di fronte a forme integrative del reddito: sono attività economiche a tutti gli effetti, che fanno capo a inserzionisti che gestiscono più alloggi e infine non è vero che compensano la mancanza di offerta: gli alloggi presenti su tali portali sono concentrati nelle principali località turistiche, dove è maggiore la presenza di esercizi ufficiali".

“Siamo di fronte a una forma di ricettività alternativa che agisce fuori dalle regole della leale concorrenza. – commenta Daniele Barbetti, Presidente di Federalberghi Chianciano Terme – Questa ricettività non genera né occupazione né investimenti, di fatto non alimenta la ricchezza del territorio ma ne sfrutta la bellezza. Questo è un vero e proprio inganno per il turista. La vera esperienza autentica è quella che si vive negli alberghi e negli agriturismi, a contatto con operatori professionali presenti sul mercato in maniera seria, legale e consolidata.”

“Anche la Valdichiana sta subendo gli effetti della shadow economy. – conclude il Presidente Barbetti – Le strutture alberghiere ed extra-alberghiere sono infatti in diminuzione, a discapito di tipologie diverse di locazioni turistiche che rischiano di cambiare radicalmente i centri storici delle nostre cittadine. Il pericolo è quello di trasformare i borghi della Valdichiana in scenografie vuote per i turisti, non più luoghi di vita della nostra comunità, con forme di ricettività prive di quel carattere di autenticità che hanno da sempre caratterizzato l’offerta turistica della Toscana. Il nostro modo di vivere è parte integrante delle aspettative del turista, e l’autenticità del nostro territorio non può essere sacrificata sull’altare della sharing economy.”

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità