QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 28° 
Domani 24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 25 settembre 2016

Attualità giovedì 13 agosto 2015 ore 11:42

Animalisti al Palio, Scaramelli: “Un errore il sì”

Concessa l’autorizzazione al Partito animalista europeo, nel giorno del Palio, in un'area periferica e non nelle zone limitrofe a piazza del Campo

SIENA — La decisione è stata resa nota dal prefetto di Siena Renato Saccone e dal questore Maurizio Piccolotti al termine della riunione del Comitato provinciale dell'ordine e la sicurezza pubblica in vista del Palio del 16 agosto.

Sulla questione interviene Stefano Scaramelli consigliere regionale di Siena che definisce un errore il sì alla manifestazione degli animalisti nel giorno del Palio.

“Autorizzare la manifestazione contro il Palio di Siena il 16 Agosto è come autorizzare la manifestazione di monarchici nel giorno della Festa della Repubblica, è un errore. Il Palio è - continua Scaramelli - cultura, identità, storia, coesione sociale, simbolo di Siena, della Toscana e dell’Italia, inesplicabile filo che lega il presente al passato tenendo sempre lo sguardo fisso sul futuro. Valori che anche la Regione Toscana riconosce e che, da ultimo, ha sancito votando all’unanimità la candidatura a diventare Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

Un atto che dimostra, una volta in più, l’importanza dei valori del Palio. In questi valori giace, forse unico esempio nel mondo, un’unione capace di nascere dal conflitto. A Siena il Palio non è solo carriera, è contrade, è festa, è passione, è calore, è gioia e dolore, è anima.

La manifestazione andava vietata perché autorizzarla nel giorno del Palio significa rinnegare questi valori e dare corpo ai radicalismi. Il diritto a manifestare è inviolabile, ma attenzione agli approcci strumentali che fanno fuori la coesione sociale. Sì alle manifestazioni e ai manifestanti, ma chi vuole manifestare lo faccia nei 363 giorni dell’anno, esclusi il 2 Luglio e il 16 Agosto. Non solo è ingiusto e non corretto, è illegittimo, forse, anche contrario ai principi costituzionali. Siena è il Palio e il Palio è tutto per Siena. Serve il coraggio di revocare l’autorizzazione”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità